23
Ripartire? E' una possibilità. Come? In ritiro. Di fatto è come se iniziasse una nuova stagione, in termini di modus operandi: tutti in ritiro, tutti chiusi nel proprio centro sportivo, che sia Milanello, la Continassa, Formello, Trigoria o il Suning Training Center, non per preparare la stagione 2020/21, ma per chiudere la 2019/20. Ieri, in Federazione, c'è stata una riunione, nella quale la commissione medica ha studiato delle linee guida per una ripartenza della Serie A, ferma a causa del coronavirus. E tra queste c'è che "​nella prima fase il “gruppo squadra” sia raccolto in un luogo “chiuso” (centri sportivi o di allenamento e simili), ovviamente sanificato e rispettoso di tutte le norme igieniche-comportamentali anche per coloro che non appartengono al gruppo ristretto". Non solo i calciatori, quindi, ma tutti: staff tecnico, massaggiatori, medici, magazzinieri. Tutti in ritiro. 

RITIRO SU RITIRO - Riprendere confidenza con il pallone e con gli allenamenti in ritiro, proseguire la stagione in ritiro. Di fatto una clausura in centri sportivi per terminare il campionato: lontani dalle famiglie, dagli affetti, dalla vita quotidiana, per evitare contatti con l'esterno. Dalla mattina alla sera nei centri sportivi, tra sedute di allenamento ed esami da sostenere. Sì, perché verranno fatti ​tamponi, test molecolari, test sierologici, esami del sangue generali, e si stanno studiando anche protocolli per chi è già risultato positivo al coronavirus. C'è però, un piccolo problema...
DOVE DORMIRE? - Sono 11 le squadre di Serie A che hanno un centro sportivo dove poter anche dormire: Juve a Vinovo, Lazio a Formello, Inter al Suning Training Center, Atalanta a Zingonia, Roma a Trigoria, Napoli a Castel Volturno, Milan a Milanello, Parma a Collecchio, Bologna a Cateldebole, Sassuolo al Mapei Football Center, Cagliari ad Assiminello. E gli altri? Dovrebbero appoggiarsi a strutture esterne, vanificando però gli sforzi per non entrare in contatto con nessuno. Oltre alla Serie A, bisogna considerante anche la B e la C, con la maggior parte dei club che non hanno la possibilità di chiudersi giorno e notte in un centro sportivo. I giocatori di questi club senza ‘fissa dimora’ potrebbero essere sottoposti a tamponi e controlli per tutto il proseguo della stagione. Stagione, quindi, che può finire come è stata preparata: in ritiro.