719
Tutto ancora da decidere. A margine del Consiglio Federale ha parlato il presidente di Serie C Francesco Ghirelli, che ha fatto il punto sugli argomenti trattati: "Stiamo valutando l'ipotesi che ogni lega decida in autonomia cosa fare. L'idea è quella di far finire il campionato giocando tutte le partite, ma stiamo valutando altre opzioni. Tra queste quella di non assegnare lo scudetto, assegnarlo tenendo conto di questa classifica oppure quella di far disputare i playoff".

Poi ha continuato: "​Ogni lega deciderà per conto proprio come sviluppare il resto della stagione. La Serie C ha molto più margine rispetto alla Serie A, può giocare fino al 30 giugno. Tornando alla Serie A, se si decidesse di bloccare il campionato ora e di considerare questa classifica, retrocedono le squadre al momento negli ultimi tre posti (Lecce, Spal e Brescia ndr). L'ipotesi di un campionato a 22 squadre non è contemplata. Il calcio di deve adattare alle difficoltà del Paese, deve rendersene conto". 

Ghirelli, presente nella sede della Federcalcio con il numero uno della Figc Gabriele Gravina e con il presidente della Lazio Claudio Lotito (gli altri presidente erano in conference call) ha poi parlato della sfida di Europa League tra Siviglia e Roma: "Ci siamo confrontati con il presidente della Uefa Ceferin. C'è una trattativa con il Governo spagnolo, che ha sospeso i voli da e per l'Italia, affinché i giallorossi possano arrivare a Siviglia per giocare regolarmente la partita".

IL COMUNICATO - ​Al termine del Consiglio Federale, la FIGC ha diramato un comunicato in cui vengono esposte tutte le possibilità. Il campionato può slittare fino al 31 maggio.