17

Dopo l'anticipo di sabato sera fra Roma e Inter conclusosi fra le polemiche con il risultato di 0-0 (LEGGI QUI), prosegue oggi la 26esima giornata di Serie A. Si parte alle 12,30 con il lunch match fra Cagliari e Udinese. I friulani, dopo 5 risultati utili consecutivi, capitolano al Sant'Elia: con la presenza in tribuna di Massimo Cellino (il presidente dei rossoblù mancava da lungo tempo), il Cagliari soffre nel primo tempo con Di Natale che colpisce anche una traversa ma trova il vantaggio con un gran gol di Ibarbo. Nella ripresa Guidolin tenta la carta Nico Lopez: proprio dopo un gol fallito dalla punta uruguaiana i sardi trovano il 2-0 grazie ad un bel destro di Vecino, su cui Scuffet non può nulla. Poi nel finale Ibraimi fa 3-0. Ora il Cagliari ha gli stessi punti dell'Udinese (28).

Alle 15, il programma presenta cinque incontri tutti molto combattuti sia in ottica salvezza (con cinque squadre racchiuse in 4 punti) che in prossimità della zona Europa (in cui in 4 punti si contano ben 5 squadre): Verona-Bolgona finisce 0-0 in una gara dalle rare emozioni che vede gli ospiti sprecare un rigore con Bianchi (bravo Rafael ad intuire). La Sampdoria vince in trasferta a Torino per 2-0: Okaka e una splendida punizione di Gabbiadini consentono a Sinisa Mihajlovic di tirare un sospiro di sollievo dopo le ultime prestazioni opache. L'Atalanta vince nel finale in casa col Chievo. I nerazzurri passano in vantaggio con Carmona nel primo tempo; restano in superiorità numerica (espulso Cesar), subiscono il pari da Dainelli ma nel finale tornano avanti con Cigarini. 7 sconfitte consecutive per il Sassuolo, 5 su 5 per Malesani: il Parma vince a Reggio Emilia con il gol di Parolo, arrivato dopo 1' di gioco. Ora gli emiliani possono davvero sognare l'Europa League. Tutto facile per il Genoa che supera per 2-0 il Catania, fuori casa sempre negativo e mai vittorioso: Antonelli e Sturaro i marcatori (nei siciliani espulso Bellusci sull'1-0).
Alle 18.30 è la volta del Napoli impegnato sul campo del Livorno: partita equilibrata a Mertens (su rigore) risponde l'autorete di Reina su tiro dalla sinistra di Mbaye. Nel primo dei due posticipi delle 20.45 vince e si riscatta la Lazio in casa della Fiorentina per 0-1 dopo la scottante eliminazione rimendiata in Europa League. Ai biancocelesti basta un gol di Cana, abile in acrobazia ad insaccare su azione d'angolo. Nel secondo dei due posticipi La Juventus, infine fa suo il big match contro il Milan un 2-0 firmato da Llorente e Tevez (LEGGI QUI) che nasconde la buona prestazione offerta dai rossoneri soprattutto nella prima frazione in cui più volte ha sfiorato il gol (con Kakà e Pazzini), ma che testimonia ancora una volta lo strapotere in Italia della squadra guidata da Antonio Conte.