690
Via gli asterischi, via gare in sospeso, la classifica, ora, è quella che è. E ci dice che la Juventus è terza in classifica: 2-1 al Napoli con Ronaldo e Dybala, sorpasso all'Atalanta e Milan a un punto. Contro l'amico Gattuso, vince Andrea Pirlo, grazie alle sue stelle: al solito Ronaldo, bravo a trasformare in gol un dribbling magico di Chiesa, dopo averne sprecato uno di Danilo, e al redivivo Dybala, entrato dalla panchina dopo il castigo post festa da McKennie, che col mancino chiude la partita. 

Tanta Juve nel primo tempo, che vince la gara sugli esterni: Cuadrado costante, Chiesa assatanato, capace di travolgere tutto quello che si trova davanti, andando a una velocità doppia rispetto agli altri. Il Napoli si vede poco, sbaglia con Zielinski sullo 0-0, reclama per un rigore sempre sul polacco (dopo che la Juve ne aveva chiesto uno su Chiesa per fallo di Lozano) e ci prova da fuori con Fabian e Insigne, mentre con Di Lorenzo da più vicino: Buffon, preferito a Szczesny, sempre presente. Nel finale, Insigne, dal dischetto, accorcia e fa 2-1. Ma è troppo tardi. La Juve vince, il Napoli no: i bianconeri si rilanciano e volano al terzo posto in classifica. I partenopei, invece, devono rincorrere