38

Dopo gli anticipi di ieri Inter-Juventus 1-2 (LEGGI QUI) e Sampdoria-Lazio 0-1 (LEGGI QUI) nel pomeriggio si sono giocate quattro partite della 36esima giornata di Serie A. Al termine dei 90' arriva un altro verdetto: il Cagliari è ufficialmente retrocesso in Serie B. La sconfitta casalinga contro il Palermo è decisiva. Il gol di Vazquez - il nono in questo campionato per l'italo-argentino - è sufficiente per piegare la squadra di Festa, che lascia la Serie A dopo undici anni. L'Atalanta può così tirare un sospiro di sollievo, nonostante il terrificante 4-1 subito all'Azzurri d'Italia contro il Genoa. I nerazzurri passano in vantaggio su rigore con Pinilla, poi si scatenano i rossoblù. Pavoletti pareggia i conti, Bertolacci realizza il gol del sorpasso - il quarto nelle ultime cinque gare - e Iago Falque chiude la sfida con una doppietta da urlo. Il Genoa è quinto e lo spagnolo sale a quota 13 in classifica cannonieri. Il Torino non molla il sogno Europa League. I granata battono 2-0 il Chievo grazie a un grande Maxi Lopez (doppietta) e si portano a meno 4 dal sesto posto, occupato dall Fiorentina impegnata domani. Vince anche l'Hellas Verona. I ragazzi di Mandorlini battono 2-1 l'Empoli al Bentegodi. Gli ospiti vanno in vantaggio con Saponara - alla settima rete con la maglia azzurra da quando è tornato - poi arriva il pareggio firmato Moras. Nella ripresa Sala regala la vittoria ai gialloblù. In serata la Roma risponde alla Lazio con una grande prestazione e la vittoria in rimonta per 2-1 sull'Udinese dell'ex Stramaccioni: dopo il primo gol italiano di Perica, Nainggolan (che nella ripresa colpisce il palo con un tacco spettacolare) e Torosidis ribaltano la situazione. I giallorossi tornano così al secondo posto e la prossima settimana c'è un derby decisivo con la Lazio. Chiudono la giornata le sfide di domani: Fiorentina-Parma alle 19 e Napoli-Cesena alle 21.