271
Dopo le gare di venerdì e di ieri e in attesa dei due posticipi di questa sera, alle 18 al Tardini tra Parma e Roma e alle 20.45 all'Allianz Stadium tra Juve e Milan, è continuata oggi tra ora di pranzo e pomeriggio la 12esima giornata di Serie A: ha aperto alle 12.30 la sfida del Nuovo Sant'Elia di Cagliari tra i lanciatissimi padroni di casa guidati da Rolando Maran, che trovano il decimo risultato utile di fila (sette vittorie e tre pareggi) e volano al terzo posto, in piena zona Europa, con 24 punti, asfaltando per 5-2 l'altalenante Fiorentina di Vincenzo Montella, a metà classifica con 16 punti, con le reti di Rog, Pisacane, Simeone (da ex di tacco per il gol numero 4 in campionato), Joao Pedro (6 in Serie A) e Nainggolan (perla da fuori condita da tre assist), autore anche di tre assist.. Alle 15 tre partite: la Lazio del capocannoniere del campionato Ciro Immobile (14 gol in 13 partite) mantiene la zona Champions e vendica la praticamente decisa eliminazione dall'Europa League vincendo per 4-2 nella sfida dell'Olimpico contro il coriaceo Lecce dell'ex Fabio Liverani, reduce da quattro pari di fila, con le reti proprio di Immobile, la doppietta di Correa (prima con la Lazio) e Milinkovic Savic, inutili i gol di Lapadula e La Mantia (Strakosha para un rigore a Babacar). Al Ferraris di Genova la Samp di Claudio Ranieri impatta per 0-0 contro l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, che voleva i tre punti per rimanere quarta. Ha chiuso la sfida salvezza tra Udinese e Spal: i ferraresi sono al momento ultimi in classifica e non vincono da cinque partite, fallita l'occasione di tornare ai tre punti con il rigore sbagliato da Petagna al 97'.