790
Anche senza Ibrahimovic, il Milan non si ferma: con Bonera in panchina (ancora assente Pioli), i rossoneri battono 2-0 la Fiorentina a San Siro e allungano in vetta, portandosi a +5 su Inter e Sassuolo, appaiate al secondo posto a quota 18 punti. 21esimo risultato utile consecutivo in campionato per il Diavolo, mentre la Viola di Prandelli non ingrana: seconda sconfitta di fila, scavalcata in classifica anche dall'Udinese.

LA PARTITA - A partire forte sono gli ospiti, che nel primo quarto d'ora agiscono stabilmente nella metà campo rossonera, ma al 17' l'episodio della svolta: calcio d'angolo dalla destra, Kessie spizza di testa e Romagnoli libero sul secondo palo insacca, esultando in modo polemico. La Fiorentina prova a reagire, ma prima della mezz'ora accusa ancora: Pezzella stende Saelemaekers mentre calcia in porta, Abisso assegna rigore dopo consulto con il VAR e Kessie non sbaglia dal dischetto. Calhanoglu calcia sull'esterno della rete, poi al 40' il Milan avrebbe l'occasione di chiudere definitivamente la partita: Theo Hernandez cade in area dopo contatto con Caceres, Abisso assegna un altro rigore ma questa volta Dragowski para su Kessie. Nella ripresa Calhanoglu colpisce il palo, Donnarumma salva sul pallonetto di Ribery impedendo così alla Viola di rientrare in partita: finisce così, il Milan vince senza Ibrahimovic e allunga in vetta.