656
Il Milan sfata il tabù San Siro: 3-2 in una pazza partita con l'Udinese, la doppietta di Rebic regala ai rossoneri un successo casalingo che mancava da quattro giornate.

Il match si mette subito in salita per la squadra di Pioli, che dopo soli sei minuti va sotto: uscita sciagurata di Donnarumma sulla trequarti su Lasagna, il pallone arriva a Stryger Larsen che di prima insacca per lo 0-1. I bianconeri di Gotti controllano senza grande affanno per il resto del tempo, ma nella ripresa la musica cambia. Pioli sostituisce uno spento Bonaventura con Rebic, che ci mette solo tre minuti per raccogliere l'assist di Conti e fare 1-1. Il gol sveglia apre la partita, il Milan va all'arrembaggio e al 71' passa ancora con Theo Hernandez: il terzino francese calcia al volo da fuori area e infila il pallone all'angolino dove Musso non può arrivare, per la quinta rete personale in questo campionato (6 stagionali contando il gol in Coppa Italia con la Spal). I rossoneri spingono, sfiorano il 3-1 con Ibrahimovic, Donnarumma nega il pareggio a Mandragora e Okaka, ma all'85' cala il gelo a San Siro: Stryger Larsen vola via sulla destra e mette in mezzo per Lasagna, che con una splendida torsione di testa fissa il risultato sul 2-2. Quando tutto sembra perduto però, ecco ancora Rebic: raccoglie il pallone dal limite e calcia in diagonale per il 3-2 finale che fa esplodere San Siro. Il Milan vince all'ultimo respiro e si porta momentaneamente a -1 dal Cagliari sesto. 

A FINE PARTITA RESTA SU CALCIOMERCATO.COM PER LEGGERE L'APPROFONDIMENTO DI ALBERTO CERRUTI PER 100ESIMO MINUTO