55

Il presidente della Lega Serie A Paolo Dal Pino parla in conferenza stampa al termine dell'odierna assemblea dei club: "Domani c'è un passaggio fondamentale per il nostro futuro, ovverosia l'approvazione della legge sugli stadi alla Camera. È un passaggio decisivo di cui si parla da molti anni e che non è più rimandabile per rilanciare il nostro calcio". 

"Dobbiamo avviare in fretta i processi di ammodernamento degli attuali impianti e della costruzione dei nuovi stadi - ha aggiunto, come riporta l'Ansa -. Questo provvedimento in corso di approvazione serve a snellire le procedure burocratiche che hanno reso impossibile mantenere i nostri impianti al passo del resto d'Europa. È fondamentale anche dal punto di vista della media company: se fai un prodotto con stadi non adeguati, è difficile competere".

14,50 - SI' A MEDIA COMPANY E FONDI - Svolta storica per la Lega Serie A: secondo quanto appreso dall’Ansa, i 20 club, riuniti in assemblea a Milano, hanno dato il loro via libera alla creazione della media company, con conseguente ingresso dei fondi di private equity nella nuova società che verrà creata per la gestione dei diritti tv e commerciali. Le 20 società hanno votato all'unanimità a favore della creazione della media company.

La cordata dei fondi di private equity che entreranno nella media company della Lega Serie A sarà scelta "in una prossima assemblea". Lo ha detto il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, come riportato dall'Ansa, uscendo dall'assemblea di Lega in cui i club hanno il loro via libera alla creazione della media company, con conseguente ingresso dei fondi di private equity nella nuova società che verrà creata per la gestione dei diritti tv e commerciali. In una prossima assemblea sarà quindi decisa quale delle due proposte sul tavolo: la prima cordata è composta da Cvc, Advent e Fsi, mentre la seconda proposta è formata da Bain Capital con Nb Renaissance Partners. Entrambe prevedono l'ingresso con il 10% del capitale della media company.