61
Il Venezia pareggia 1-1 in casa col Cittadella nel ritorno della finale playoff di Serie B e viene promosso in Serie A dopo Empoli e Salernitana. Anche grazie alla vittoria per 1-0 nell'andata sul campo del Cittadella con gol di Francesco Di Mariano, il nipote di Totò Schillaci. 

Rispetto al primo round, Paolo Zanetti perde per squalifica il difensore austriaco Svoboda, ma recupera il centrocampista Maleh (di proprietà della Fiorentina), che ha scontato il turno di stop. 
Proia porta in vantaggio il Cittadella al 26'. Dieci minuti dopo i padroni di casa restano in dieci uomini per l'espulsione di Mazzocchi, che rimedia due cartellini gialli nel giro di pochi secondi. Nella ripresa viene allontanato dalla panchina Aramu per proteste. Per via del peggior piazzamento in classifica nella stagione regolare e della sconfitta di misura all'andata, per la promozione il Cittadella avrebbe dovuto vincere con almeno due gol di scarto. Ma nei minuti di recupero il Venezia pareggia in contropiede con Bocalon e può festeggiare il ritorno in Serie A 20 anni dopo l'ultima volta