Commenta per primo
Si salvi chi può. Il sesto turno di Serie B, anche per via del fatto di essere l'ultimo prima della prima sosta stagionale, potrebbe risultare decisivo per molti allenatori. Malgrado si sia solamente all'inizio del torneo, per diversi tecnici il proprio futuro professionale passerà anche attraverso i risultati che matureranno in questo fine settimana.

INCROCI PERICOLOSI - Tra le panchine più roventi ci sono senza dubbio quelle di Pisa e Venezia, antiche repubbliche marinare che domani si ritroveranno l'una di fronte all'altra sull'isola di Sant'Elena. Chi perderà la sfida tra Rolando Maran e Ivan Javorcic potrebbe ricevere il ben servito. Opzione più viva per il primo che per il secondo. Sorte che potrebbe capitare anche al perdente del derby umbro tra Perugia e Ternana, dove sia Castori che Lucarelli sono chiamati a conferme significative dopo qualche recente incertezza di troppo.

CANARINI E GRIFONI - Altro incrocio delicato è poi quello tra Genoa e Modena. A Marassi chi rischia di più è l'emiliano Attilio Tesser per il quale l'eventuale quinta sconfitta in sei gare risulterebbe quasi certamente fatale. Ma anche il collega/rivale Alexander Blessin non se la passa benissimo. Il suo Grifone non ha ancora vinto in casa in campionato, fatica a spiccare il volo e dopo la sconfitta subita a Palermo venerdì scorso i tifosi cominciano a rumoreggiare. Un nuovo passo falso potrebbe portare a clamorose decisioni sul suo conto da parte di una dirigenza che pure finora lo ha sempre difeso a spada tratta.
CASI STRANI - In bilico, ormai praticamente da inizio campionato, è anche Fabio Caserta che dopo aver risollevato il Benevento dopo un pessimo avvio di campionato non sembra essere ancora completamente al sicuro. Soprattutto in caso di KO questa sera contro la capolista Brescia. 
Del tutto particolare è infine la situazione in casa Como, dove il cambio in realtà è già avvenuto, anche se non per ragioni agonistiche. Congedato per motivi di salute Jack Gattuso, la panchina lariana è stata assegnata al suo vice Max Guidetti. Una nomina ad interim che sarebbe dovuta durare solo fino allo scorso weekend e che invece accompagnerà i lombardi anche nella sfida interna alla Spal.