Daniele Sebastiani, presidente del Pescara e consigliere della Lega Serie B, ha spiegato a ilovepalermocalcio.com la decisione di disputare subito i playoff e di annullare invece i playout in seguito alla retrocessione d'ufficio del Palermo in Serie C: "Sono scelte che abbiamo preso nell'interesse del campionato e della sua regolarità, non contro il Palermo o contro chi deve disputare i playout. La situazione del club rosanero non l'abbiamo creata noi come Lega e probabilmente si è arrivati troppo lunghi nel giudicarla. Arrivare al 10 maggio per dare la sentenza significa mettere in gioco la regolarità del campionato.

Perché annullare i play-out? È un discorso tecnico: se è vero che il Palermo viene retrocesso all'ultimo posto, si va ad aggiungere alle 3 già retrocesse. I playoff invece si devono giocare con 6 squadre, non in 5. Lo slittamento non è stato considerato, poi naturalmente il Foggia ha tutto il diritto di fare ricorso e nei prossimi giorni lo farà."