20
Pronti, partenza, via: la Serie C torna finalmente in campo nel weekend dopo il digiuno estivo, prolungato tra le altre cose dalle vicende giudiziali che hanno riguardato Campobasso e Teramo. Ad aprire le danze sarà il Girone A, che inizierà sabato alle 17.30, con il big match serale tra Triestina e Pordenone che sarà lo scontro di cartello dell'intera giornata. Domenica, invece, toccherà a B e C dare avvio alla stagione con il programma completo che si esaurirà nella serata del nove. Insomma, un menù molto ricco di partite, che farà la gioia di tutti i tifosi costretti ad aspettare una settimana in più per le vicende extra-campo prima di poter tornare allo stadio a tifare.

CALENDARIO - Inizio il 4 di settembre, dunque, con il campionato che proseguirà in modo piuttosto serrato fino alla sosta natalizia, con ben tre turni infrasettimanali nella prima parte di stagione: mercoledì 14 settembre, mercoledì 19 ottobre e mercoledì 30 novembre. La bandiera a scacchi, invece, è prevista per il weekend del 23 aprile, nel quale si chiuderà la regular season con le prime tre promosse in Serie B che potranno focalizzarsi sulla stagione successiva. Per le altre, invece, inizieranno a corto raggio playoff e playout che, come da tradizione, accompagneranno i tifosi fino al mese di giugno.
LE FAVORITE - Ai nastri di partenza le favorite per la vittoria finale sono piuttosto chiare. Anche i bookmakers confermano le sensazioni del mercato, dando il Padova di Massimiliano Mirabelli come principale candidato alla vittoria nel girone del nord. Più equilibrata la lotta al centro, dove Reggiana e Cesena sembrano essere le due squadre designate per contendersi la promozione diretta. Al sud, al contrario, c’è il Catanzaro che parte davanti a tutti, complici i salti di categoria nell’ultima stagione di due big come Bari e Palermo. Le outsider di lusso saranno Pordenone, Vicenza, Triestina, Virtus Entella, Avellino e Pescara, che cercheranno di smentire i pronostici sul campo.