2
E' arrivato il giorno del sorteggio dei calendari di Serie C, con l'avvio del campionato fissato per il 27 settembre. Dopo svariati rinvii dovuti alla pendenza della decisione della Corte d'Appello sul ricorso avanzato da Picerno e Bitonto - conclusosi con un rifiuto che ha sancito la definitiva presenza di Foggia e Bisceglie in C - si è finalmente arrivati alla pubblicazione dei gironi e alla definizione delle giornate.

I GIRONI - Come anticipato qualche settimana fa, i gironi sono stati strutturati secondo un criterio simile a quello degli ultimi anni, con il C che sulla carta resta il più complicato per via della presenza di diverse realtà di altissimo livello come Bari, Trapani, Catania e il neo-promosso Palermo. Sarà invece Girone A per la Juventus U23, reduce da una grande stagione, che dovrà vedersela con squadre del calibro di Livorno, Piacenza, Carrarese in quello che, almeno alla vigilia, sembra essere il più morbido tra i raggruppamenti. Anche nel Girone B, infatti, sono presenti diverse squadre di alto profilo, su tutte Padova, Carpi, Cesena, Modena, Sudtirol e un club storico come il Perugia. Con il mercato ancora aperto per quasi un mese è difficile fare pronostici, ma è ben noto che il Bari di De Laurentiis cercherà in ogni modo di risalire dove l'anno scorso ha fallito, così come il Padova e il Perugia. Complicato invece avanzare previsioni su quello che potrà essere il cammino della Juve U23, fresca vincitrice della Coppa Italia e protagonista di un discreto percorso anche ai playoff. Il sogno resta ovviamente quello di centrare una storia promozione che consacrerebbe ancora una volta la lungimiranza del progetto bianconero. Di seguito i tre gironi:

GIRONE A - Albinoleffe, Alessandria, Carrarese, Como, Giana Erminio, Grosseto, Juventus U23, Lecco, Livorno, Lucchese, Novara, Olbia, Pergolettese, Piacenza, Pistoiese, Pontedera, Pro Patria, Pro Sesto, Pro Vercelli, Renate.

GIRONE B - Arezzo, Carpi, Cesena, Fano, Feralpisalò, Fermana, Gubbio, Imolese, Legnago, Mantova, Matelica, Modena, Padova, Perugia, Ravenna, Sambenedettese, Sudtirol, Triestina, Virtus Verona, Vis Pesaro.

GIRONE C - Avellino, Bari, Bisceglie, Casertana, Catania, Catanzaro, Cavese, Foggia, Juve Stabia, Monopoli, Paganese, Palermo, Potenza, Teramo, Ternana, Trapani, Turris, Vibonese, Virtus Francavilla, Viterbese. 
PRIMA GIORNATA - Subito sfida di altissimo profilo nel Girone B, con il big match tra il Carpi e la Sambenedettese di Maxi Lopez, al debutto con la nuova maglia. Due delle principali candidate alla vittoria del campionato, al pari di Padova e Perugia, che debutteranno a loro volta contro Imolese e Fano. I match principali del Girone C, invece, saranno quelli che avranno come protagonisti il Bari, impegnato sul campo della Virtus Francavilla, il Catania, in casa contro la Paganaese, e soprattutto il Palermo, di ritorno tra i professionisti, che affronterà il Teramo fuori casa. Sfide che vorranno già dire tanto su quella che è la condizione delle squadre dal punto di vista atletico e mentale dopo un periodo così tribolato. I gironi ci sono, il calendario anche, ormai manca solo l'ultimo dettaglio: il campo...

LE PAROLE DI GHIRELLI -
 E il Presidente della Lega Pro, intervenuto ai microfoni di Rai Sport, ha deciso di lanciare un messaggio positivo a tutto il movimento in vista della sempre più imminente ripartenza: ''Sarà il campionato della svolta. Un campionato che calcisticamente si preannuncia ricchissimo, ancora una volta, di piazze prestigiose e piccole realtà da scoprire. Ora che abbiamo il calendario, si può finalmente ricominciare a parlare di calcio. Certo, è il momento in cui ogni sogno sulla propria squadra del cuore è permesso, quello che dà la carica perché stanno per ricominciare le partite. E anche se viviamo questa situazione anomala e condizionata dalla pandemia, tutti stiamo cercando di ricominciare, di tornare alla normalità. Speriamo che presto lo stadio per gli spettatori, anche se modo contingentato, non sia più solo un’illusione ma una realtà. Quello sarebbe un gol straordinario! E poi va migliorato il protocollo sanitario, così come è pesa fortemente sulle società e non è sopportabile. Noi stiamo facendo il possibile per aiutare e sostenere i nostri club, consci delle difficoltà che devono affrontare per portare avanti le costose realtà del quotidiano e nuovi progetti. Ma siamo anche orgogliosi di ciò che rappresentiamo e di ciò che siamo: 60 club che a breve daranno il via a incroci entusiasmanti e partite intense. Ripartiamo con la consapevolezza che dobbiamo giocare senza perdere tempo, potremmo pagare pesantemente ogni ulteriore intoppo. Si parte”.