Commenta per primo

Non mancheranno di far discutere le dichiarazioni rilasciate oggi dal sindaco di Firenze, Matteo Renzi, sul match Juventus-Fiorentina di domani.

"Vincere a Torino sarebbe non soltanto un atto sportivo, ma un atto di giustizia storica e culturale per tutti i furti che siamo stati costretti a subire nella nostra storia - ha dichiarato il primo cittadino del capoluogo toscano -. L'unica partita che veramente interessa è quella di domani contro quella squadretta con i colori bianchi e neri a bande verticali".

"Per chi tifa Fiorentina davvero, la partita con la Juve non è una partita, è un'esperienza mistica: io darei tranquillamente un incidente al ginocchio in maratona in cambio della vittoria a Torino - ha scherzato Renzi, che domenica parteciperà alla Firenze Marathon -. Tutti ci dicono: diventerete grandi quando considererete la partita di Torino una partita come tutte le altre. Evidentemente grandi non lo siamo, perchè io sento la partita con la Juve con una certa intensità".

Renzi ha parlato anche della Cittadella viola: "Se ci sono soluzioni diverse per la Fiorentina nell'ambito della cintura metropolitana per noi non è un problema; noi continuiamo a preferire l'ipotesi di lavorare su Firenze, ma lo diciamo con la serenità di chi sta lavorando per realizzare opere che sono attese da anni, soprattutto i campini, che saranno inaugurati nel 2011, e sono un grande risultato di questa Amministrazione e dell'accordo con la Fiorentina. Quando avranno finito i campini, parleremo del nuovo stadio".