107
Un solo gol nel 2019, 8 minuti giocati negli ultimi due mesi. La parabola discendente di Andrè Silva al Siviglia a tutta racchiusa nei numeri, piuttosto scarni. L’attaccante portoghese di proprietà del Milan è al centro di un caso disciplinare, raccontato con toni aspri da Joaquín Caparrós, tecnico del Siviglia. La versione ufficiale racconta di un problema al tendine rotuleo. Ma i media spagnoli non sono convinti, anzi scrivono che il giocatore partecipa regolarmente agli allenamenti per poi fare un passo indietro al momento delle convocazioni.

LA DIFESA .- Attraverso A Bola, André Silva, attaccante del Milan in prestito al Siviglia, ha voluto rispondere alle accuse del tecnico degli andalusi Caparros: "Ovviamente non fingo di essere infortunato, ho la coscienza a posto. Certe insinuazioni mi rendono triste. Non tollero che mi venga puntato il dito contro e che si dica che non ho voglia di lavorare. Il mio futuro? Sono un giocatore del Milan".