2
Chris Smalling, difensore della Roma, si concede al Times in una lunga intervista, nella quale parla di calcio, iniziative benefiche e di come ha vissuto la quarantena.

SUL PERCORSO DI CRESCITA - "Ora vedono il successo nel mondo del calcio ma si è stato un viaggio. Voglio dimostrare che tutto è possibile, affinché tutti i più giovani sognino in grande. Se riesco a ispirarli, è fantastico. Molti bambini vogliono diventare calciatori, ma la mia realizzazione non è mai arrivata fino a quando non avevo 19, 20. Quando cresci, molti sogni possono essere infranti. Non pensi che siano nemmeno possibili a volte. Se posso assicurarmi che questi bambini si aprano, parlino e non permettano che le cose peggiorino, allora molti di loro si troveranno in un contesto migliore rispetto a quando ero più giovane io. Condividere un problema è come dimezzarlo”.

AUTOSTIMA - “Tutti hanno bisogno di qualcuno che punti su di loro, ma alla fine si tratta solo di forza di volontà. Dirsi: ‘Questo è quello che voglio e lo avrò a prescindere da qualunque cosa, anche se i miei genitori dubitano di me, anche se i miei amici non mi credono, anche se la società pensa che non ho possibilità.’ Può anche richiedere molto tempo, prima che arrivi la fortuna e ti continui a guidare nel tuo percorso. È qualcosa che cerco di sottolineare ai bambini. Non credo che si possa arrivare in cima senza quella convinzione. Anche i migliori ricevono critiche”.

SUI SOCIAL MEDIA - “Fa decisamente male quando attraversi dei periodi difficili e ricevi critiche, giuste o sbagliate che siano, è sempre difficile prendersele. Alcune persone sono solo dispettose, altre si scatenano perché hanno i loro problemi. I lenoi da tastiera vogliono solo provare a rovinare la giornata di qualcuno. Non ci si può nascondere dai commenti ma credo fermamente in me stesso . È qualcosa che deve essere controllato. Le aziende possono fare di più. Al momento sembra quasi che si stiano solo facendo scivolare le cose addosso. Ci sono tanti casi, molto tristi, che riguardano l’abuso dei social media e ciò che hanno causato. ”

SUL LOCKDOWN - “Il lockdown può sicuramente portare le sue sfide. Conosco molte persone che non sono in grado di trascorrere del tempo con la propria famiglia. Da questo punto di vista sono stato benedetto. Sono stato fortunato a poter trascorrere del tempo con la mia famiglia e avere avuto la possibilità di vedere Leo crescere, fare i suoi primi passi, vedere il suo primo dentino. Ma quando parlo con alcuni amici, quando vedo i commenti sui miei social media, quando parlo con i bambini attraverso FBB e quando ascolto alcune delle loro lotte, capisco che il blocco possa essere un momento davvero difficile”.
KANTE HA PAURA DEL CORONAVIRUS - “In definitiva, è una scelta personale. Siamo stati tutti a casa, isolati, siamo potuti uscire solo quando era necessario. Cambiare davvero le cose e iniziare a praticare sport in modo competitivo con altre persone preoccuperà tutti. Si può fare un passo indietro in allenamento quando si saprà che tutte le misure sono state prese e ci sono stati tutti i test del caso. Posso capire la posizione di tutti quelli che si tirano indietro quando manca la massima chiarezza. Tutti vogliono essere il più informati possibile. Fortunatamente, qui a Roma, ho la sensazione che abbiano questa chiarezza. Ci hanno tenuti al corrente. Abbiamo avuto incontri regolari con il CEO, Guido Fienga, per parlare delle diverse misure e restando aggiornati. È stato molto utile conoscere le loro discussioni con la Lega e i dottori e ce lo stanno trasmettendo direttamente. Ecco perché credo che molti giocatori qui si sentano a proprio agio nel tornare, perché conoscono le diverse misure. Conoscono i protocolli di sicurezza. È stato tutto elencato, ma se alcuni giocatori in alcuni club non hanno ancora chiara la situazione, allora posso capire che sono un po ‘spaventati fino a quando non viene tutto alla luce. Anche io vorrei lo stesso".

SULLE INIZIATIVE DELLA ROMA - “La Roma ha un cuore molto grande. L’ho notato rapidamente qui. Ha aiutato molto le persone, senza limiti. È fantastico. Hanno davvero dato l’esempio e altri club ne hanno preso spunto per fare lo stesso. Sono molto orgoglioso di essere associato alla Roma grazie a tutte le loro iniziative”.

SULL'ARRIVO A ROMA - “Alcuni giocatori inglesi sono andati all’estero, ma non molti. Era una sfida che volevo fare. Sono una persona che vive senza avere rimpianti. Mi piacciono le nuove sfide fuori dalla mia zona di comfort e il poter mostrare alla gente che tutto è possibile”.

SUL FUTURO - “Ovviamente mi piace il mio calcio, mi piace la mia vita e cerco di fare tutto al meglio, ma vedere i bambini crescere e investire in persone che hanno buone idee è il putno da dove ottengo il mio principale appagamento”.