Commenta per primo

Il derby numero 56 della storia fra Paganese e Sorrento se lo aggiudicano i costieri che vincono al 'Campo Italia' volando al primo posto in classifica con la Salernitana. Decide il match il solito Paulinho al 58', sfruttando un cross di Erpen. Gara condizionata dall'espulsione dubbia a Panini pochi minuti prima del gol, dopo uno screzio con Lo Monaco, che è stato graziato dall'arbitro. Per gli azzurrostellati è buio pesto dopo la terza sconfitta consecutiva ed aver conquistato un punto nelle ultime cinque gare.

SORRENTO

Il tecnico del Sorrento, Gianni Simonelli: 'Questa partita mi porta sempre un forte carico emozionale. Non avevo mai vinto con la Paganese, ma ciò che conta è la prestazione dei ragazzi. Nel primo tempo hanno giocato meglio i nostri avversari, che hanno sfiorato anche il gol. Poi nella ripresa siamo entrati meglio noi in campo, siamo stati bravi a trovare il gol e ad amministrare il vantaggio, complice anche la superiorità numerica. La vittoria ci proietta in testa, ma io non guardo la classifica. Questo Sorrento deve vivere alla giornata e pensare che il primo obiettivo è la salvezza: ciò che arriverà dopo sarà solo di guadagnato'.

PAGANESE

Il tecnico della Paganese, Pino Palumbo: 'Sappiamo che questo è un periodo difficile. Dispiace perchè oggi avevamo cominciato bene, abbiamo messo in difficoltà una squadra che in casa ha sempre fatto bene ed è attrezzata per qualcosa in più di una semplice salvezza. Potevamo passare in vantaggio, ma ci è mancato il guizzo finale e quella cattiveria giusta per mettere dentro la palla. Peccato per l'espulsione, a mio avviso ingiusta, perchè ha condizionato la gara e non ci ha permesso di raccogliere ciò che meritavamo. Ora c'è il Monza, gara importante in cui dobbiamo fare tre punti obbligatoriamente'.