Spal-Cagliari 2-2

Gomis 6: aiuta tanto i compagni uscendo spesso sulle palle alte, terreno di caccia preferito di Pavoletti. E' incolpevole sulle due reti del Cagliari.

Cionek 6,5: prestazione di livello del polacco che riesce ad arginare senza grosse difficoltà le giocate di Joao Pedro e Pavoletti. E' prezioso sia nell'uno contro uno che nelle diagonali difensive, oltre a provare, con discreti risultati, anche qualche sortita offensiva.

Vicari 6,5: disinnesca in modo eccellente Pavoletti, reggendo l'urto della fisicità dell'attaccante azzurro. Guida alla perfezione una difesa che nelle ultime settimane aveva sofferto tantissimo. E' costretto ad uscire pochi minuti dopo Felipe per un problema di natura muscolare.

(dal 23' s.t. Bonifazi 5: cambiano due terzi della difesa e la Spal subisce due gol. Forse è solo una coincidenza, ma lui e Simic non danno le stesse garanzie di Vicari e Felipe)

Felipe 6: dopo un primo tempo ordinato è costretto ad uscire ad inizio ripresa a causa di un problema alla schiena. 

(dal 13' s.t. Simic 5: soffre le fiammate offensive del Cagliari che dal momento del suo ingresso in campo schiaccia i biancazzurri e trova due reti nel giro di un paio di minuti)

Lazzari 7: è subito decisivo con un assist favoloso per Petagna, che dopo pochi minuti sblocca la partita. Il suo contributo sulla fascia è sempre prezioso per Semplici che non può fare a meno del laterale azzurro, sempre più fulcro delle azioni offensive della Spal. Mette la propria firma anche sul gol del raddoppio di Antenucci, servito alla perfezione a pochi passi dalla porta.
Schiattarella 6: nel primo tempo tocca tanti palloni e riesce a dare quelle geometrie che erano mancate terribilmente nelle ultime partite di campionato. Si spegne con il passare dei minuti, complice il calo di tutta la squadra che abbassa in modo evidente il baricentro.

Valdifiori 5,5: dovrebbe essere il regista della squadra, ma soffre la convivenza con un altro giocatore di tocco come Schiattarella, che riesce ad emergere con più forza all'interno della partita. 

(dal 9' s.t. Kurtic 5,5: entra con la voglia di spaccare il mondo, ma non riesce mai ad essere incisivo. E' ancora fuori condizione a causa della lunga assenza e ha bisogno di tanto minutaggio per ritrovare confidenza con il campo)

Missiroli 6: è il solito inesauribile motore del centrocampo della Spal. Poco appariscente, ma fondamentale per gli equilibri della squadra di Semplici, che può sempre contare sulla sua esprienza e sul suo dinamismo.

Fares 5: soffre la presenza di Srna che con la sua esperienza lo costringe agli straordinari in fase difensiva. Perde completamente di vista Pavoletti in occasione della rete del 2-1 che riapre la partita.

Petagna 6,5: trova la rete del vantaggio dopo appena tre minuti di gioco facendosi trovare pronto per spingere in rete l'assist al bacio di Lazzari e va vicino al raddoppio in più occasioni mettendo in mostra tutte le sue qualità tecniche e fisiche. 

Antenucci 7: iniziano a rivedersi sprazzi del miglior Antenucci dopo un periodo di grande appannamento vissuto negli ultimi mesi. Il feeling con Petagna è in netto miglioramento ed il capitano biancazzurro si conferma ancora una volta uomo fondamentale per questa Spal quando mette la firma sulla rete del momentaneo 2-0 con una giocata da campione.

All. Semplici 6,5: il tecnico della Spal non può essere valutato sulla base di quanto accaduto nella ripresa, perché è costretto dagli infortuni a cambiare due terzi della difesa titolare. Nel primo tempo si vede una squadra compatta e capace di creare gioco; nella seconda frazione, complice anche la sfortuna, non ha la possibilità di intervenire sulla squadra per aggiustare il tiro e portare a casa i tre punti.