30
Intervistato ai microfoni di Premium, Luciano Spalletti ha analizzato il pareggio della sua squadra al San Paolo. 

C’è anche l’Inter per la corsa scudetto?
“Voi volete sempre dare questo taglio. A questi calciatori vanno fatti i complimenti. Dite che siamo fortunati e ci fa piacere ma la mia vera fortuna è allenare questi calciatori. Non ve ne siete ancora accorti, non lo avete ancora capito, ma ve ne accorgerete. Sono ragazzi che sanno dove andare e che lavorano bene. Oggi si poteva giocare anche meglio, ma a volte sembra di giocare contro i figli di Goldrake, facevano cose incredibili. Noi dobbiamo imparare in fretta, ma stiamo lavorando in modo serio”

Handanovic è stato strepitoso? 
“Ha fatto dei buonissimi interventi, ma in un paio di occasioni mi è sembrato bravo anche Reina. Però è vero, in certe situazioni abbiamo sofferto e questo è un risultato che ci teniamo stretto”. 

Il Napoli è avanti nel progetto, se considera i futuro, l'obiettivo è quello di riuscire a giocare come il Napoli?
“Sono d’accordo, ci vuole un tempo corretto per apportare una crescita. La nostra squadra è ancora un po’ impaurita dall’anno scorso. Se vogliamo arrivare nelle prime quattro dobbiamo crescere velocemente”. 

"Sono i giornalisti che cercano sempre di creare il fenomeno e il fallito, chi vince è fenomeno e tutti gli altri dei falliti: noi arriviamo da alcune stagioni complicate, non abbiamo, a differenza di altre squadre, una base di lavoro di anni. Ci vuole del tempo e noi dobbiamo essere bravi ad accorciarlo. Se poi mi continuate a chiedere se lotteremo per lo Scudetto, vi rispondo di sì, lo vinceremo! (ironico, ndr)".