24
Altre parole di Luciano Spalletti questa volta ai microfoni di Rai Sport. L'allenatore dell'Inter ha commentato così la vittoria per 3-0 sulla Fiorentina e i possibili ultimi movimenti di mercato.

I TIFOSI -  "Il primo segnale lo hanno dato i nostri tifosi aspettandoci allo stadio, quando siamo arrivati era tutto pieno. C'è affetto verso questi colori e noi dobbiamo restituire con impegno e prestazioni come fatto stasera".

VIDAL E NAINGGOLAN... - "Mercato normale? Noi abbiamo fatto bene nel pre-campionato, i giocatori hanno dimostrato di essere professionisti, hanno ascoltato e messo in pratica. Qualche volta si è sbagliato ma è normale. Se mi dite che l'Inter ha 200 milioni da spendere, Spalletti è il re della corte, verranno Sanchez, Vidal e Nainggolan e poi non arrivano, diventa tutto normale rispetto a come è stata presentata Bisogna rendersi conto della situazione e si va avanti, io ho a disposizione una grande squadre e società".

UN COLPO IN DIFESA - "Qualcosa manca soprattutto in difesa ma i direttori lo sanno e stanno lavorando, due centrali sono pochi, poi Ranocchia con mio dispiacere andrà altrove. La sua situazione è questa anche se il ragazzo è eccezionale ed è un buon calciatore. Ragionando con tutte le componenti ci vuole soprattutto un difensore.

BROZOVIC - "Brozovic? E' un calciatore che sa benissimo trovare spazio sulla trequarti, che ha gamba per andare in profondità, è un tuttocampista. Poi cercando di dare un equilibrio al reparto si può collocare anche sulla trequarti".

CENTROCAMPO DI QUALITA' - "Ho fatto iniziare Borja e Vecino davanti alla difesa perché la Fiorentina ci avrebbe aggredito. Se accade deve essere un vantaggio, siamo l'Inter e dobbiamo avere il coraggio di costruire, iniziare l'azione e collocarci sulla metà campo come nella prima mezz'ora. Poi siamo calati e abbiamo perso troppi palloni e la Fiorentina ci ha creato difficoltà. Joao Mario è entrato bene, si è fatto trovare pronto e questo è importante".