180
Il Napoli passa in vantaggio a La Spezia, ma la partita viene sospesa per 12 minuti dall'arbitro Marchetti per disordini tra i tifosi e lancio di fumogeni sugli spalti. Dopo lo stop, allenatori e giocatori delle due squadre si sono avvicinati alle tifoserie cercando di placare gli animi.

LA RICOSTRUZIONE - In campo gli scontri sono iniziati con un gruppo di incivili che, nel settore dedicato ai tifosi partenopei, ha iniziato a lanciare fumogeni nella Curva dello Spezia. I tifosi liguri hanno risposto ai napoletani e gli animi si sono accesi. A un certo punto, i tifosi partenopei hanno tentato di sfondare il settore, andando a cozzare contro una parte di pubblico spezzino nonostante la presenza delle forze dell'ordine. I napoletani hanno continuato a lanciare di tutto nel settore Spezia, da seggiolini a bandiere. Gioco sospeso per diversi minuti, prima della ripresa dell'incontro. 

L'ORIGINE - Tutto sarebbe iniziato nel prepartita. Secondo quanto raccontato dalla giornalista Italia Mele di Canale 8, quella dei napoletani sarebbe stata una reazione in seguito ad un episodio della mattinata. Infatti un bus di tifosi del Napoli è arrivato allo stadio con vetri frantumati, colpito dai supporters di casa.