Commenta per primo
Il bianconero non porta bene. Udinese e Juventus salvano due gol sulla linea o comunque a portiere battuto togliendo ai bianchi 6 punti che avrebbero donato una classifica che farebbe gridare al miracolo, non per quanto vista sul rettangolo di gioco, per non parlare poi del ‘furto’ arbitrale di Cagliari (altri due punti) all’esordio. Il succo del calcio è tutto qui: buttarla dentro quando si presenta l’occasione. Lo Spezia si prende gli applausi, la Juventus i punti. Il tutto con una squadra, quella ligure, mezzo rabberciata avendo il proprio reparto di centrocampo relegato in infermeria, ma che resta comunque viva soprattutto con l’aiuto e l’entusiasmo del proprio pubblico.
 
Le idee di questo nuovo Spezia, ancora ‘in fieri’, sembrano abbastanza chiare; certo talvolta manca un po’ di cinismo e non solo sotto porta dell’avversario, ma anche della propria. Rivedere i due gol del controsorpasso Juve, prego! Spazzare con un bel calcione il pallone che ballonzola in area è cinismo produttivo, molto. Un concetto semplice che vale in prima categoria così come in serie A. Perché alla fine ci abbiamo sperato di portarla a casa nonostante il divario tecnico evidente.
 
Centrocampo double-face. A un primo tempo colabrodo, dove Bourabia e Salva Ferrer spesso si pestano i piedi in fase di costruzione e si fanno infilare facilmente dalle rasoiate verticali che innescano Dybala già a ridosso dei 16 metri, mentre Maggiore sembra girare a vuoto col suo pressing alto disinnescato agevolmente dal reparto difensivo juventino, ecco una ripresa più accorta nella terra di mezzo con uno Spezia pronto a ripartire in contropiede per provare a fare male. Riuscendovi.
 
Antiste si è preso la scena. Quando ha dato la bambola a Bonucci fresco campione d’Europa e non un difensore qualunque, infilando Szczesny per il 2-1, il Picco è venuto giù, come ai bei tempi. E se Locatelli appena entrato non avesse ribattuto  sulla linea di porta il tiro del francesino, per la verità mezzo sberciato, chissà quali titoloni oggi sui giornaloni. Cinismo, do you remember ?