Meno due: conto alla rovescia per il derby di Genova, che si tinge di giallo. La Sampdoria denuncia un tentativo di spionaggio effettuato da parte del Genoa. Durante l'allenamento a porte chiuse di oggi a Bogliasco è stato 'beccato' l'allenatore dei portieri della Primavera rossoblù, Luca De Prà, che stava spiando le prove tattiche di Delio Rossi.

Il sito ufficiale dei blucerchiati parla di "Missione segreta architettata dai generali di Villa Rostan, un'azione militare intrapresa con tanto di abbigliamento e attrezzatura d'ordinanza, tuta mimetica e scarponi da montagna. Come un novello Rambo nascosto tra le frasche del Poggio, dalle nobili ascendenze pedatorie, non ha saputo parare le contromisure dell'intelligence e del controspionaggio blucerchiato. Nessun prigioniero però, nemmeno inutili spargimenti di sangue. Una volta scovato e colto sul fatto, con le mani nella famigerata marmellata, il soldato dell'altra sponda è stato lasciato libero di tornare alla propria base. Del resto, bisogna sempre perdonare i propri nemici, niente li infastidisce di più".

In tutta risposta il Genoa "precisa che nessun dirigente o componente lo staff tecnico ha dato mandato al signor Luca De Prà, preparatore portieri della Primavera, di seguire l’allenamento in programma a Bogliasco. Si è trattata di una iniziativa di carattere personale. Tale procedura non è mai stata utilizzata in passato e non fa parte del modus operandi ascrivibile al nostro club. La Società rende noto che il sig. De Prà è stato sospeso con effetto immediato dall’incarico in attesa che vengano fornite eventuali spiegazioni".

 

Get Adobe Flash player