215
“In data odierna, l’Amministrazione comunale di Roma Capitale ha consegnato alla Regione Lazio le valutazioni sul progetto dello “Stadio della Roma”. Il parere unico di Roma Capitale sul progetto definitivo dello Stadio della Roma è non favorevole”. Con questo stringato comunicato, la Regione Lazio ha gelato Pallotta e la Roma per quanto concerne a costruzione del nuovo stadio, ora più che mai in pericolo. 

I PROBLEMI - I problemi riguardano criticità della sicurezza stradale e idraulica, carenza su parcheggi, viabilità e trasporto pubblico nonché carenza documentale: rilievi effettuati dal Campidoglio e trasmessi ieri alla Regione Lazio. Per ora, il progetto è non idoneo. 
MA NON FINISCE QUI
- Fonti vicine ai proponenti del progetto Stadio Roma - Tor di Valle fanno sapere: "La Roma e il costruttore Parnasi conservano ancora la fiducia che le istituzioni coinvolte nel processo decisionale non vorranno lasciarsi sfuggire un'opportunità che prevede un investimento destinato alla città che ammonta a oltre 1,6 miliardi di euro. Il parere unico sul progetto, inviato oggi da Roma Capitale alla Regione Lazio è un documento di natura amministrativa e non costituisce posizione politica. Tale atto, sebbene sia scritto in maniera che ingenera dubbi, riporta solo minime richieste di modifica che i proponenti potranno adempiere facilmente, in modo da ottenere un parere favorevole e quindi procedere con l'approvazione del progetto. L'investimento destinato alla città è fra i più grandi in corso in Europa". 

VERTICE - Previsto un incontro per trovare un'intesa su come modificare il progetto entro il 3 marzo. Sul tavolo della trattativa c'è un dialogo su due punti fermi: l'equilibrio economico-finanziario determinato dalla cosiddetta Legge sugli stadi e il rispetto della procedura fissata dalla conferenza dei servizi.