10
Cinquantuno punti in 30 giornate, terzo posto e in piena lotta per la promozione diretta in Serie A. Il tutto da neopromossa in cadetteria. È la favola del Sudtirol presieduto da Gerhard Comper, che intervenuto ad un evento a Milano (18° Torneo Amici dei Bambini), ha raccontato in esclusiva a Calciomercato.com i segreti del suo club. “Il segreto è sicuramente il nostro gruppo, un gruppo unito - ha esordito -. E poi la scelta di cambiare allenatore ad inizio stagione (esonerato Lamberto Zauli nel pre-campionato, poi l'arrivo di Leandro Greco per tre giornate di campionato, tutte perse, ndr) è stata quella giusta, anche se dispiace mandare via un tecnico. La visione del nostro direttore sportivo Paolo Bravo, ossia quella di ingaggiare Pierpaolo Bisoli, si è rivelata azzeccata”.  

State già pensando di blindare Bisoli anche per le prossime stagioni?

“Assolutamente sì, con lui la squadra è cambiata ed ha fatto ottimi risultati. La nostra intenzione è quella di tenerlo ancora. Se Bisoli è sottovalutato? La realtà è che non era nelle nostre idee prenderlo inizialmente, non era un nome sul tavolo. In verità è stato molto bravo ad insistere il nostro ds”.   

Bisoli ha detto che Raphael Odogwu assomiglia a Lukaku: è d’accordo?

“Fisicamente vedo delle somiglianze, mi ha sorpreso molto, è cresciuto più di tutti. Ha fatto un salto di qualità importante facendo la differenza. Mi ha sorpreso più di tutti”.

Quali sono i nomi di calciatori del Sudtirol che possono infiammare il prossimo mercato?
“Se ascolto il mio ds ho un paio di nomi che possono fare bene anche nella massima serie italiana. Naturalmente bisogna prima capire quali sono le nostre intenzioni e dove arriviamo. Logicamente dobbiamo anche noi mantenere una certa qualità. Se dobbiamo fare dei nomi posso dirti Rover e Curto. Sono forti e hanno un certo valore. Senza dimenticare Zaro che è un difensore forte con il fiuto del gol”

Sono già arrivate delle chiamate da parte di qualche club di Serie A?

Dovete chiederlo al nostro ds ma..chi tace acconsente!”

Credete fortemente nella promozione in Serie A?

“Sognare non costa nulla, ma dobbiamo resta con i piedi per terra. Certo, adesso ci sono tutti gli scontri diretti che possono cambiare la classifica di settimana in settimana. Noi siamo lì e contenti di misurarci con le più forti”