162
Ci si aspettava una gara equilibrata e così è stato, per un tempo. Poi la Svizzera ha preso il sopravvento nella ripresa e ha battuto 1-0 il Camerun. Segna Breel Embolo, nato a Yaoundé, capitale del Paese africano e trasferitosi in Europa in tenera età. Con i tre punti la squadra di Yakin si prende la momentanea vetta del gruppo in cui sono anche Brasile e Serbia.

GARA - Allo 'Al-Janoub Stadium' gli svizzeri puntano sulla vecchia guardia, mentre Song lascia Aboubakar in panchina e si gode un buon primo tempo dei suoi. Gli africani si rendono infatti protagonisti di numerose folate offensive nei primi minuti. Choupo-Moting e Toko-Ekambi mettono alle strette la lenta difesa avversaria. È Sommer a dover salvare in un paio di occasioni i suoi, mettendo pezze con uscite tempestive. La riscossa della squadra di Yakin porta a due chances. Elvedi di testa colpisce bene ma la palla sfila a lato della porta di Onana. Qualche istante dopo Akanji sfiora il vantaggio su angolo: è la migliore occasione dei primi 45’ che si chiudono però senza reti e con poche emozioni.
 
La ripresa si apre subito con altri ritmi e, a sorpresa, passano gli elvetici. Al 48’ Shaqiri, al suo quarto Mondiale, inventa dalla destra e serve Embolo solo in area. Lo svizzero nato a Yaoundé, capitale del Camerun, segna e non esulta. Un’altra immagine che resterà di questo Qatar 2022. I Leoni Indomabili accusano il colpo e si ripresentano dalle parti di Sommer solo una decina di minuti dopo. Ci prova ancora Choupo-Moting ma il portiere del Borussia Monchengladbach è bravo a chiudergli il primo palo. Da lì è monologo svizzero. Prima Onana e poi Anguissa sventano il 2-0. Il portiere interista si supera su un destro a botta sicura di Vargas, il centrocampista del Napoli anticipa Embolo ed evita il tracollo dei suoi. Nel finale succede poco, Seferovic manca il colpo del ko. Il Camerun si ferma subito e vede allontanarsi la qualificazione agli ottavi. La Svizzera vola e fa punti per la sesta nella partita d'esordio ai Mondiali.