10
A poco più di un mese dall'inizio della Serie A, Marco Tardelli ha detto la sua sulle big italiane impegnate nella preparazione della nuova stagione: "Inter? Non so cosa sia stato proposto a Conte" dice al Corriere dello Sport, "ma lui e Marotta si conoscono molto bene, quindi credo sappiano entrambi benissimo cosa serve per rinforzare l'Inter. Se si lamenta significa che non ha ancora ottenuto ciò che vuole".

SU ICARDI - "Penso che la vicenda Icardi sia una grande sconfitta per tutti. Ci perde lui, ci perde l''Inter, ci perde anche il calcio. E' una situazione paradossale, negativa sotto ogni punto di vista. Andava risolta prima, gestita in maniera diversa. Non si doveva arrivare a questo punto".

SU WANDA NARA - "No, non è zavorra. Lei fa il suo mestiere di agente di un calciatore. Ma io penso che a decidere sia comunque Icardi. L'errore di Wanda è sempre stato quello di andare in tv a parlare dei compagni di Icardi, in certi casi a criticarli. Non si fa. Ma intendiamoci, sarebbe stato lo stesso se al posto di Wanda ci fosse stato un uomo, un padre, una madre, un fratello".

ANCORA SU ICARDI - "Mi piacerebbe vederlo a Napoli. Credo farebbe molto bene, ma è una mia sensazione. Ha la qualità per fare bene, ma a Napoli credo possa ritrovarsi e diventare determinante come nei giorni migliori".

SU SARRI - "Si voleva il bel gioco, giusto prendere Sarri. Ma intendiamoci: Allegri non ha poi fatto così male, no?  Io dico che Allegri, portando in bacheca 13 trofei in cinque anni, ha fatto molto: non sarà così facile eguagliarlo".

SUL COLPO DEL MERCATO - "A me piace molto Barella, l'Inter ha preso una grande mezzala. E' tosto, sa costruire, si inserisce in area, segna pure. Ha tanta personalità e aiuta i compagni, se non vuole strafare può diventare un giocatore molto importante per l'Inter e la nazionale".