4
Marco Tardelli, ex centrocampista di Juve e Inter, campione del mondo nell'82, con tanto di gol, e urlo, in finale contro la Germania, si racconta al Corriere della Sera: "L'onda emotiva fu enorme. C'era anche un po' di rivincita verso la stampa, con cui avevamo avuto molti attriti. Il periodo era negativo, e negativa era anche l'immagine della Nazionale. Invece cambiò tutto. Non dimenticherò mai l'amicizia tra di noi calciatori, l'affetto, le confidenze, una crescita umana collettiva. E quella specialissima persona che era Enzo Bearzot: era severo, pretendeva molto ma ti abbracciava, con la sua onestà e il suo coraggio, e non ti abbandonava mai". 

SULLE DONNE - "Sempre belle donne? Sì, è capitato... Moana Pozzi? Non rinnego niente. Ma non mi sembra più il caso di parlarne. È passato tantissimo tempo e poi lei non c' è più".