18
Il direttore sportivo della Lazio Igli Tare ha parlato a Premium Sport: "Luis Alberto scommessa vinta? Non è nessuna scommessa vinta. E’ un giocatore che abbiamo voluto portare alla Lazio ed ero convinto che avrebbe fatto qualcosa di importante qui anche se l’anno scorso ha avuto dei problemi di ambientamento. Può dare ancora di più rispetto a quello che sta facendo vedere ora. I risultati ottenuti fino adesso sono frutto del lavoro profondo. Mi dà un po’ fastidio che continuano a dire che la Lazio è la sorpresa del campionato. Questa squadra non è più una sorpresa, anno dopo anno abbiamo cercato di migliorare questo progetto e ora stiamo ottenendo dei risultati. Ma siamo ancora all’inizio della stagione, non dobbiamo volare troppo in alto perché ci saranno sicuramente delle difficoltà che dovremo superare con serenità. Per stare in alto ci vuole tanta continuità, Juventus, Napoli, Inter e Roma hanno una mentalità vincente e giocatori di qualità. La Lazio sta raggiungendo questi livelli negli ultimi anni e adesso abbiamo ancora più bisogno dei nostri tifosi allo stadio perché è un dispiacere vedere una squadra che gioca un calcio fantastico, forse il migliore in Italia al momento, con uno stadio che lascia ancora desiderare. La Lazio deve essere vista come un punto d’arrivo e non di partenza. Per cercare di vincere trofei importanti serve una mentalità e un senso di appartenenza da parte di tutti i giocatori. Il rinnovo di De Vrij? Sono ottimista perché c’è la buona volontà da entrambe le parte. Faremo a breve un incontro con i suoi agenti e penso che alla fine troveremo un accordo ma finché non vedrò nero su bianco rimango vigile. Per chi tifo nella sfida Italia-Albania? Sono italiano di adozione ma la mia patria è l’Albania e spero che vinca contro gli azzurri. Noi albanesi sono anni che aspettiamo questo match, avrei voluto giocarla anche io: andremo tutti allo stadio per tifare Albania.”