L'ex presidente della FIGC, Carlo Tavecchio, ha rilasciato un'intervista ai colleghi de Il Messaggero

Le fa male quanto fa male a noi, Tavecchio, Svezia-Sud Corea? 
“È stato un trauma, certo. A un certo punto, uscendo dalla federazione ho cominciato a cambiare la mia solita strada di casa, in quei giorni. Ma io, dopo la debacle, mi sono dimesso pur avendo la maggioranza. Non lo rifarei, ora: quelli si sono fatti commissariare”.

Oggi che sentiamo anche l’inno di Panama e non Mameli, riesce a spiegarcelo cosa ci avete combinato? Ventura dice di essere stato lasciato solo nei giorni del duello con la Svezia. 
“Questo fallimento nasce in Brasile, 2014. Il ricambio non c’era: impallinato Balotelli, salta la Figc e io divento presidente. Mi rendo conto che il livello che esprimiamo è questo: crisi profonda. Prendiamo Conte: per due anni lo usiamo come un defibrillatore, il motivatore top del mondo. Europei 2016: abbiamo battuto la Spagna, il Belgio dei baby fenomeni, usciti con la Germania campione con quei rigori ridicoli di Zaza e Pellé, che pareva un gigante come Giaccherini. Avevo provato anche con Ancelotti. La Figc può pagare solo 1,5 milioni l’anno per un allenatore. Nei top club c’è chi prende 20 milioni... Mancini ora ha voluto l’azzurro: bene”.

Poi, però, vi tocca ripartire: il progetto era Lippi-Ventura.
“Lippi salta perché si accorgono di un conflitto d’interessi che – se c’era – c’era da sempre visto che il figlio fa l’agente da vent’anni. Ventura fa 7 vittorie e 2 pareggi: che fai lo cambi? D’altronde avevamo condiviso tutti la soluzione d’emergenza, non solo in Figc. Anche al Coni erano d’accordo, lo ha ricordato Ventura da Fazio. Il ct solo?Macché, nessuna fronda dei senatori: dopo il ko con la Spagna non c’era aria di fronda, ma nemmeno di vittoria. Ventura mi ripeteva stancamente che saremmo passati, ma sull’aereo di rientro dalla Svezia ho cominciato ad avere paura. Poi sento che a Milano ci sono 30 mila napoletani e tu non fai giocare Insigne; che ti ostini a far crossare la palla per un centravanti che non c’è…".

Un centravanti alla Balotelli. 
“Mandai Ventura a Nizza: si era ripreso, dopo il Brasile. Ma lui niente. Attaccanti così l’Italia non ne sforna da anni. E noi giochiamo senza: mica è matto Mancini che riparte da lui. Con Mario in campo gli svedesi li battevamo sicuro, anche se oggi si fatica pure con l’Arabia. Lui è soprattutto tifoso dell’Italia, so quanto ci tiene all’azzurro: un gol l’avrebbe fatto sicuro”. 

Balotelli trascinatore, ma lei è quello di Optì Pobà. 
“Dissi una battuta infelice, lo so. Ma sono anche quello dei 30 anni di missioni africane: Togo, Benin. L’immigrazione vista dal Sud del mondo potrei spiegarvela. Parlavo di vivai invasi da ragazzini trattati come merce e impoveriti di italiani”. 

Quella settimana di novembre il calcio italiano collassa al palo di Darmian. 
“Il calcio è in crisi, ma non lo fermi: è un vero interesse pubblico, anche se i presidenti dei top club pensano di fare parte di un enclave». Andrà in Russia e per chi tiferà? «Infantino mi ha invitato alla finale. Tifo Argentina: sono mezzi italiani e ci gioca Dybala, ero quasi riuscito a convincerlo a giocare con noi (il giocatore avendo origini italiane, aveva l'opportunità di scegliere se giocare con l'Argentina o l'Italia ndr.). Con lui e soprattutto Balotelli sarebbe stata un’altra storia”.