Carlo Tavecchio ha parlato della situazione del calcio italiano: "Nel nostro Paese sono diminuite del 30% le vendite dell'acqua minerale. La gente beve l'acqua del rubinetto e anche noi, nel calcio, non beviamo più l'acqua minerale ma acqua di rubinetto"

SUL CALCIOMERCATO -  "C'è un movimento di scambi senza passaggi economici. Su questo si vede l'abilità dei nostri operatori. Se si riesce a a portare a casa un cavallo di San Siro è meglio di un asino locale. Gli arrivi dall'estero? Questo è un problema che ci attanaglia da tanto. L'ho detto tante volte che bisogna potenziare i nostri vivai. Bisogna valutare se converrà in futuro porre un'obbligatorietà di utilizzo di calciatori del vivaio nelle squadre. Al momento non ci sono questi obblighi".

ITALIA-INGHILTERRA A TORINO - "Ho parlato poco fa con il sindaco di Torino, Piero Fassino. Stiamo valutando, ma certamente la faremo allo Juventus Stadium".