38
Una bufera che non sembra fermarsi. Carlo Tavecchio è al centro del ciclone, dopo gli attacchi di De Rossi e Albertini il candidato per la presidenza della Figc è tornato a parlare a Radio 1"L'assassino di John Kennedy non ha subìto quello che ho subìto in questi giorni. L'unica cosa che non si dice in questi giorni è che ci sono devastanti interessi di altri. Quali sono? Lo sapete tutti. Non ho cambiali da pagare - ha detto riferendosi alla domanda rivoltagli dal presidente del Coni nell'incontro di giovedì sera - e non ho padroni". 

IL PARMA NON CAMBIA LINEA - L'ad del Parma Pietro Leonardi ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in merito all'elezione del presidente della Figc: "Per come il Parma è stato trattato in questi ultimi due anni, noi guardiamo ai fatti e non alle parole: i fatti sono che l'assemblea di Lega ha deciso una linea e noi da quella non ci discostiamo, confermando il sostegno a Carlo Tavecchio. Le parole di Tavecchio? Ci sono state delle scuse ufficiali e poi, se dovessi dare un giudizio alle parole, staremmo a discutere per anni. Ripeto: meglio guardare ai fatti".