542
Avevano ragione Maldini e Massara nel credere fortemente sulle prospettive di Tonali. E ha avuto ragione anche la proprietà a strappare un maxi sconto dal Brescia sulla valutazione per il riscatto. Perché la qualità delle prestazioni del centrocampista azzurro certificano la bontà di un investimento da circa 17 milioni di euro. Dopo aver dominato in lungo e in largo contro la Lazio, Sandro si è ripetuto anche in una gara difficile dal punto di vista tattico come quella di stasera contro la Juventus. Ha vinto tantissimi duelli, recuperato palloni su palloni e ha regalato l’assist decisivo ad Ante Rebic. Una gran bella notizia per Pioli che inizia a raccogliere i frutti del lavoro svolto sul talento classe 2000.

DUELLO VINTO- C’era grande curiosità alla vigilia per questo duello anche in chiave azzurra tra Locatelli e Tonali. Il primo andato via dal Milan con una cosa polemica e qualche rimpianto. Dati alla mano Sandro ha stravinto il duello con Manuel sotto tutti i punti di vista. Qualcosa è scattato nella testa di Tonali che, in queste prime quattro partite di campionato, è sempre sceso in campo con una grande personalità e consapevolezza dei propri mezzi. Geometrie,  solidità mentale e qualità nei calci piazzati: ora Tonali è indispensabile per questo Milan. Un chiaro messaggio anche alla concorrenza di giocatori importanti come Kessie, Bennacer e Bakayoko.