94
In attesa del ritorno del campionato, abbiamo selezionato la formazione-top e la formazione-flop dei nuovi acquisti dopo le prime tre giornate.

I TOP



RAFAEL (Spezia) 6,8
Pensava di smettere e invece ha ripreso a giocare e si è già tolto qualche
soddisfazione.

HAKIMI (Inter) 7
Ha confermato subito le attese: è partito al massimo.

KAAN AYHAN (Sassuolo) 6,5
Gli emiliani sorprendono sempre sul mercato e anche in questo caso, ingaggiando il difensore turco, hanno arricchito l’organico.

KUMBULLA (Roma) 6,5
Nonostante l’età e il passaggio dal Bentegodi all’Olimpico, ha confermato le sue qualità.

RISPOLI (Crotone) 6
E’ riuscito a sollevarsi sulla media dei suoi compagni di squadra.

KULUSEVSKI (Juventus) 6,8
Pirlo ha puntato subito sull’ex del Parma e ha fatto bene.

VIDAL (Inter) 7
E’ l’uomo di Conte. Il cileno dà al centrocampo nerazzurro la forza fisica e atletica che da sempre cerca il tecnico salentino.

ARTHUR (Juventus) 6,8
Nel palleggio, meglio lui di McKennie.

PEDRO (Roma) 6,7
Esperienza, equilibrio, spunti e gol: per la Roma è la conferma di un bel colpo.

OSIMHEN (Napoli) 7
Anche se non ha ancora segnato, la sua presenza ha già cambiato in meglio l’attacco di Gattuso.

KEITA BALDE (Sampdoria) 6,5
I primi passi doriani sono stati incoraggianti, aiuterà Ranieri nella missione-salvezza.
I FLOP



ZOET (Spezia) 5,8
Quasi sufficiente, è un flop solo a livello numerico. Il suo infortunio ha riportato Rafael sulla scena della Serie A.

VOJVODA (Torino) 5
Non è stato un inserimento facile nel calcio italiano.

MAGALLAN (Crotone) 4,8
La sua squadra ha la difesa più perforata di questo inizio di campionato, per l’argentino ex Alaves sarà una stagione molto dura.

MARRONE (Crotone) 5,3
Come Magallan, con la differenza che lui conosce bene il calcio italiano.

MURRU (Torino) 4,5
Avvìo stentato in una squadra che stenta.

PERISIC (Inter) 4,8
Prima contro Chiesa, poi contro Lazzari: d’accordo, è un campione d’Europa, ma un inizio così non era semplice.

IONITA (Benevento) 5,5
Nonostante i primi passi ben fatti dalla squadra di Inzaghi, il moldavo non ha convinto al cento per cento.

POBEGA (Spezia) 5,5
Deve ancora adeguarsi al livello della Serie A.

EDUARDO DA SILVA (Crotone) 5,5
L’ex Sporting Lisbona ha bisogno di tempo per capire le difficoltà del nuovo campionato e della nuova squadra.

MORATA (Juventus) 4
Fra i nuovi arrivati è quello che ha meritato la bocciatura più sonora.

PICCOLI (Spezia) 5,5
A 19 anni avrà tempo e modo di crescere.