52

Che piaccia si sapeva da tempo, che ci fosse una vera e propria trattativa in corso però no. Invece, il Torino è in pressing su Fabio Quagliarella. Il giocatore, in questo momento in vacanza a Formentera, rivelerebbe infatti ad amici che "l'offerta (del Torino, ndr) c'è, ed è interessante" e che addirittura i granata lo chiamano telefonicamente "tutti i giorni". Il diretto interessato interessato starebbe "pensando seriamente" agli argomenti usati dal club di Cairo. 

OSTACOLO INGAGGIO - Già, ma quali potrebbero essere questi "argomenti"? A fronte di tali aperture da parte dell'attaccante e di una simile insistenza da parte della società granata, viene da chiedersi come si possa superare l'ostacolo rappresentato dall'ingaggio percepito attualmente da Quagliarella: sono 2,2 i milioni di euro (netti) che la Juventus riconosce al proprio tesserato. Quasi il triplo del tetto salariale fissato da Urbano Cairo.

IN COPPIA CON CERCI - Evidentemente l'editore alessandrino è disposto a "sfondare" tale tetto per poter garantire a Ventura la punta che, a giudizio del tecnico stesso, meglio di chiunque altra si legherebbe tecnicamente a Cerci, creando una coppia rapida e tecnica in grado di ben figurare in Europa. Quest'ultimo punto è molto importante per Quagliarella, frutto del vivaio granata che abbandonò il Toro con il fallimento del 2005; ancora pochi mesi fa ha rifiutato la Lazio perchè non gli offriva palcoscenici internazionali. Difficile, insomma, capire come Cairo ritenga di poter arrivare al 31enne attaccante. Ma in qualche modo confida di poterci riuscire.