13
Torino, città dai due volti: aristocratica e proletaria, cortese e grintosa, italiana e multiculturale. Città che vive tutta la sua splendida dicotomia nel derby della Mole, quello che andrà in scena questa sera allo Stadio Olimpico. Torino è anche una città dove, nel tempo, si è sviluppata una cultura musicale underground tra le più potenti d’Italia (che ha avuto Subsonica, Frankie Hi-nrg, Linea 77 e Africa Unite come punte di diamante negli anni novanta), una scena che sta cercando di riprendersi negli ultimi anni, basti pensare che proprio in questi giorni nel capoluogo piemontese è in corso uno dei festival di musica elettronica più importanti d’Europa, il Club to Club. 

E in questa ripresa musicale di fine anni dieci, il rap sta decisamente facendo la voce grossa, grazie ad artisti come Ensi, Beba, Fred De Palma, Muso e ai due tifosi (e all’occasione inviati di Quelli che il Calcio) Shade e Willie Peyote. Proprio a questi ultimi due, Dazn ha dedicato uno speciale in vista del derby, mettendo a confronto due facce della stessa medaglia del rap e del calcio piemontese. Nello speciale, i due si sfidano a colpi di flow con rime dedicate ai propri beniamini. 

“Torino mentalità, solo in qualche vecchia foto ‘sta città era bianca e nera, esproprio proletario anche se cambia l’indirizzo, restiamo hardcore come Izzo” rappa Willie, fresco di pubblicazione del suo quarto splendido album Iodegradabile. 
“Per noi è solo un match come un altro, per voi è la partita dell’anno ma non la vincete manco per sbaglio, i vostri capitani come Angelo Ogbonna fanno come Maresca perché vi fanno le corna”, risponde Shade. 

I due sono amici da sempre e giocano con una rivalità calcistica che corrisponde alla loro immagine. Pulito, sorridente, da sempre primo in classifica con i suoi tormentoni e fuoriclasse dei freestyle, il bianconero Shade (che gira con una cover del cellulare dedicata a CR7). 
Pungente, profondo, ironico e sempre pronto a far riflettere con le sue rime di protesta, il granata Willie (che nel 2014 ha dedicato una canzone al capitano granata Glik). 
Nessuno dei due ci sta a perdere stasera ma, nel caso, chi ha già scritto come prenderebbe un’eventuale sconfitta è Willie Peyote che, nel brano del 2015, Giudizio Sommario, cantava “io non voglio che vinca la mia squadra ma ne ho scelta apposta una che perdesse sempre. Perché in fondo la vittoria è molto sopravvalutata, e chi non è capace a perdere di indole è un perdente