1
Sampdoria-Torino 1-4

Sirigu 6,5: sicuro nell'ordinaria amministrazione, strepitoso su Quagliarella dagli undici metri, incolpevole sulla ribattuta del numero 27 blucerchiato. 

Izzo 7: lucido, senza sbavature, tallona i giocatori offensivi della Samp e non sbaglia mai in impostazione. Segna pure un gol che sa di derby.

Djidji 6,5: non trema mai davanti a Quagliarella, Caprari e Defrel. Gioca al centro della retroguardia con sicurezza e personalità.

Nkoulou 7: perfetto, un gigante in difesa. Non è solo fisico (tanto, ad essere onesti) ma è pure tecnica e senso della posizione. Davvero un bel giocatore.

De Silvestri 7: spinge e offre un cioccolatino a Belotti per lo 0-1 granata. Corre tutti i novanta minuti, pressa il primo portatore di palla doriano quando la squadra di Giampaolo prova a ripartire sulle fasce, e torna ad aiutare in difesa. Partita a tutto campo.

Rincon 6,5: amministra il centrocampo con l'esperienza e la lucidità di un 'Generale'. Prende il fallo quando è chiuso dai raddoppi, sbaglia pochissimo.

Meité 7: gioca una gran gara, ordinata e concreta. E' ovunque, strappa un'infinità di palloni dai piedi avversari e garantisce sempre la superiorità numeri a centrocampo. In più, è pure bravo con i piedi.

Baselli 6: si vede meno di altri compagni, ma funge da raccordo tra centrocampo e attacco. Ingenuo a stendere Praet, l'entrata gli costa mezzo voto.

Aina 7: raddoppia sempre sulle rare incursioni della Samp, lotta in ogni azione e ara la fascia. Intelligente quando appoggia a Falque l'assist per la sassata che chiude il match.

Iago Falque 7: spina costante nel fianco della difesa blucerchiata. I suoi movimenti allargano le maglie della Samp, si coordina splendidamente per lo 0-3 granata.

(dal 23' s.t. Berenguer 6,5: vivace e tecnico, la sua rapidità manda al bar un paio di volte Bereszynski)

Belotti 7,5: subito volitivo in avvio, nei primi dieci minuti sfodera la specialità della casa, il colpo di testa. Il primo tentativo è fuori misura, il secondo trafigge Audero. Splendido l'aggancio che genera il rigore, glaciale dal dischetto. Una partita come ai vecchi tempi.


All. Frustalupi 7: in casa del professore Giampaolo, Frustalupi - sotto indicazione di Mazzarri, squalificato - dà una lezione di sagacia tattica al collega blucerchiato. Il suo Torino è organizzato, viaggia fortissimo e soffoca la manovra della Samp sin dal primo passaggio. Le ali molto alte e la fisicità del suo centrocampo, unite al cinismo davanti alla porta, fanno il resto. Gran partita dei granata.