Commenta per primo
Alla vigilia di Brescia-Torino, il tecnico della formazione granata Walter Mazzarri presenta così la partita in conferenza stampa. L’allenatore ha esordito tornado sulla prestazione nel derby di sabato scorso: “Contro la Juventus i ragazzi hanno ritrovato la compattezza, si sono visti dei segnali forti importanti, la cosa importante è che già da domani i ragazzi incarnino quello spirito che si è visto conto la Juventus, dove non meritavamo di perdere. Partiamo dai segnali positivi, con qualsiasi squadra dovremo provare come minimo a ripetere la stessa prestazione. Nel derby ho rivisto quella fiamma che dobbiamo vedere, quella rabbia agonistica la devi avere davanti a un avversario”.

Per la partita contro il Brescia l’allenatore granata dovrà fare a meno di molti giocatori infortunati “Niente alibi. Gli infortuni ci sono sempre stati ma io ho sempre parlato dei presenti. Piangersi addosso, soprattutto in questo momento, non serve a nulla”. 

Poi sugli allenamenti a porte aperte: “Il Filadelfia a porte aperte? L’avevo programmato prima del derby. Continueremo ad aprire le porte nel primo giorno della settimana, comunque vadano le cose. Spero che ci sia però sempre rispetto per il lavoro di tutti”. 

L’allenatore ha poi parlato di questo momento della stagione: “In vent’anni di carriera ho vissuto vari momenti particolari come questo, non ho problemi da questo punto di visto. Io mi concentro solamente su tutti gli aspetti che riguardano la squadra. Per me tutto è finalizzato alla partita successivo”. 
Durante la conferenza stampa Mazzarri ha parlato anche di Balotelli e del problema del razzismo negli stagi: “Balotelli è un campione, che sta bene anche fisicamente e noi dovremo fare attenzione. Quello che è successo in settimana? Mi stupisco che nel 2020 si debba ancora parlare di razzismo, questa è una parola che non dovrebbe più esistere. Io vorrei che negli stadi i tifosi facessero il tifo solo per la propria squadra, che non ci sia neanche violenza verbale verso i tifosi delle altre squadre. In Inghilterra viene punita anche la violenza verbale, figuratevi il razzismo”. 

Sulle condizioni di Berenguer e Falque: “Berenguer è in ripresa, sta bene. Per Iago è un’annata particolare, sfortunata, sembra un infortunio non leggerissimo anche se è muscolare. Speriamo di recuperarlo presto”. “Il cambio di allenatore al Brescia può portare qualche difficoltà in più noi, però io vorrei parlare solo di noi. Tutte le partite sono difficili in serie A, ma se noi siamo squadra possiamo fare bene con tutti”. 

Infine, il tecnico è tornato a parlare del gol preso nel derby: “Il gol preso nel derby? Noi abbiamo il castello difensivo nei calci d’angolo e lo abbiamo sempre fatto bene, la Juve ha fatto un angolo manovrato e la palla è stata messa oltre l’ultimo giocatore del castello difensivo, due o tre giocatori sono andati per eccesso di voglia di andare a difendere la porta verso la linea, sarebbe bastata che si fossero girati nella loro posizione e non avremmo preso gol”.