Commenta per primo
Davide Nicola presenta così, in conferenza stampa, la partita di domani del suo Torino contro il Napoli.

"Il Napoli è l'avversario più tosto da affrontare questo momento, è una squadra che sta bene. Domani bisognerà scendere da cavallo e andare con la baionetta. Dalla mia famiglia ho imparato che attraverso le azioni si può influenzare il futuro, questo è il messaggio che cerco di trasmettere anche ai miei giocatori"

Sulle somiglianze con Gattuso: "Io come Gattuso? Se gli somigliassi non sarei affatto dispiciuto. Ho grande stima di Rino, mi piace, è un ottimo allenatore. Ci accumuna la grinta e la voglia di non mollare mai".

Sulla partita di domani: "Nel calcio ormai ci sono varie partite dentro le partite, contro tutti bisogna essere abili a impostare il proprio gioco e essere bravi anche in fase difensiva. Io domani vorrei una partita dove si risponde colpo su colpo agli avversari".

"I ragazzi dimostrano carattere e stanno dimostrando che gli eventi non influenzano gli umori della squadra. Il gol non si sa quando arrivo, l'importante è creare i presupposti".
Nicola ha parlato anche dell'atteggiamento che vuole dalla sua squadra: "Io voglio che i miei giocatori dimostrino coraggio per sostenere duelli individuali, ci interesse dimostrare coraggio e credere in quello che facciamo. Accettare l'uno contro uno non significa dover prendere delle ripartenza, ma io voglio una squadra coraggiosa. Alle volte i centimetri possono penalizzarti, altri premiarti. Per noi è importante produrre occasioni da gol, se ne crei poche diventa difficile. Poi ci vuole lucidità e qualità nell'ultimo passaggio".

Sui calci di punizione: "I modi per fare gol sono tutte risorse. Le palle inattive hanno una loro valenza. Se si parla dei gol di punizione dirette ci stiamo allenando, arriveremo anche a quelle. Se c'è una gerarchia? Sì, ci sono 3 o 4 giocatori che hanno più abilità per poterle battere".

Nicola ha parlato anche delle condizioni di Sirigu: "Con Sirigu basta uno sguardo, abbiamo un rapporto tale che basta poco. Se giocherà o no domani dipenderà dalle sue percezioni domani".

Infine, Nicola ha parlato anche della corsa alla salvezza: "A quanto è la quota salvezza? Io non ho mai fatto questi calcoli, quello che mi interessa sono i punti in campo".