88
Il Covid torna a minacciare la serie A, tanto che nei prossimi due turni di campionato è sempre più probabile che non si giocheranno le partite del Torino. In casa granata è scoppiato un vero e proprio focolaio: da venerdì a oggi sono state riscontrate le positività di sette calciatori e un membro dello staff sanitario. Inoltre l’Asl del capoluogo piemontese ha anche bloccato gli allenamenti e, con ogni probabilità, non permetterà alla squadra di Davide Nicola di scendere in campo venerdì contro il Sassuolo e martedì all’Olimpico di Roma contro la Lazio, disponendo l’isolamento fiduciario per tutto il gruppo squadra. Isolamento che durerebbe una settimana, obbligando così la Lega al rinvio delle due partite. 

IL PRECEDENTE - Come il precedente di Juventus-Napoli insegna, i parametri del protocollo anti-Covid stilato nella scorsa stagione possono essere superati dalle decisione delle varie aziende sanitarie: sarà in pratica l’Asl del capoluogo piemontese a decidere se Torino-Sassuolo e Lazio-Torino si potranno giocare nelle date previste dal calendario oppure no. L’ipotesi di un rinvio, come detto in precedenza, appare sempre più probabile, tanto che la Lega si sta già preparando a ri-calendarizzare le prossime due partite del Torino, senza infliggere sconfitte a tavolino e punti di penalizzazione alla squadra granata. 
LA VARIANTE INGLESE - Il caso Torino è però differente da quello che aveva coinvolto il Napoli lo scorso ottobre: a preoccupare l’Asl del capoluogo piemontese e la positività alla variante inglese del Covid che è stata riscontrata nei calciatori granata. “Se non ci fosse stata la variante inglese allora non avremmo preso questa posizione” ha spiegato anche il direttore dell’Asl di Torino, Roberto Picco intervenendo a Radio Punto Nuovo. In pratica, se il focolaio scoppiato nello spogliatoio granata non fosse legato alla nuova variante del Covid, in questi giorni Davide Nicola avrebbe continuato a dirigere gli allenamenti al Filadelfia e, nonostante i tamponi positivi di sette calciatori, il Torino avrebbe potuto giocare venerdì contro il Sassuolo e martedì prossimo contro la Lazio.