Commenta per primo

Ora che Jean-François Gillet è rimasto, non cedendo alle lusinghe del Catania, non vedendo concretizzarsi la proposta del Cagliari e guardando svanire il Sassuolo anche a causa del Torino stesso (che cedendo Avramov all'Atalanta ha permesso ai bergamaschi di lasciare Consigli ai neroverdi), il Torino si ritrova nei week-end internazionali con due portieri convocati dalle rispettive nazionali. E mica nazionali qualunque: Italia e Belgio, livello altissimo.

Un anno fa, il Gatto di Liegi non avrebbe immaginato che al suo ritorno avrebbe trovato in Padelli un punto fermo del Torino, invece il suo ex vice è perfino azzurro. Come gestire questo dualismo? La risposta più semplice sarebbe alternare l'utilizzo di uno in campionato e uno in Europa League. In quest'ultima manifestazione potrebbe essere utilizzato GIllet, secondo le ipotesi formulate in questi giorni, e forse anche in Coppa Italia. Ventura darà conferme in questo senso a giorni.