Commenta per primo
Petrachi si sta muovendo sia sul fronte allenatori sia su quello del mercato giocatori con inevitabile strabismo: un occhio a certi nomi interessan­ti e agganciabili solo in caso in promozione, un altro rivolto verso figure più facilmente in­castrabili in un contesto di se­rie B. E in tal senso, tra piste scaldate e nuovi contatti, per il dopo Colantuono si staglia ora pure il nome di Moriero (col suo vice Garzya). Allegri e Giampaolo, intanto, vantano ancora troppo mercato in A per poter cedere a lusinghe grana­ta sfornate, oggi, senza certez­ze sul campionato da disputar­si e tantomeno senza garanzie sui progetti futuri di Cairo. Poi non stupisce apprendere che il Torino abbia compiuto un sondaggio anche con Di Carlo, prima che entrasse in orbita Sampdoria. Mentre tra i candidati più caldeggiati re­sta sempre Lerda, come ben si sa, a fronte dei suoi successi a Crotone. Saltellando invece sui giocatori, si dilatano voci quan­to a un interessamento per l’at­taccante 23enne Ardemagni (20 gol nel Cittadella dei mira­coli), anche se il suo agente ne­ga richieste dirette da parte del Torino («Ma a chi non piace un giocatore così?», ha poi aggiun­to Lombardi). Petrachi è inol­tre tornato a muoversi per l’e­sterno del Vicenza Sestu, 26 anni, già trattato a lungo a gennaio. Il tutto, mentre altre indiscrezioni danno l’attaccan­te francese 21enne Malonga (prestato dal Torino al Cesena, dove è esploso) corteggiato pu­re da Psg e Auxerre, oltreché prenotato dai romagnoli (at­traverso il sostegno del Milan, sostengono alcuni). Sempre il Cesena punta pure (come il Genoa e l’Atalanta) lo stesso Gorobsov, 20enne regista dalle buone potenzialità. Per non parlare di Ogbonna, seguito anche all’estero: Arsenal, Ever­ton, Sunderland, West Ham.