Commenta per primo
Dall’entusiasmo che ha fatto seguito alla vittoria contro l’Atalanta alla delusione per il ko interno contro il Lecce: nel giro di sole due partite l’umore dei tifosi del Torino è salito alle stelle per poi cadere velocemente in picchiata. Alle stalle. Nessuno si aspettava una prestazione così deludente contro la formazione pugliese, ma il bello dello sport è che spesso c’è subito la possibilità di riscattarsi: questa opportunità la squadra di Mazzarri l’avrà domenica sul campo della Sampdoria e per coglierla il tecnico granata potrebbe puntare su Verdi, Belotti e Zaza.

Contro il Lecce la sconfitta non è stata figlia di un modulo che si è rivelato sbagliato (o almeno non solo di quello) ma l’impressione che il Torino ha dato è stata quella di non esserci con la testa e le gambe: si sono visti in campo giocatori con poche idee, troppo fermi e quasi mai in grado di arrivare prima degli avversari sulle seconde palle. Cambiare giocatori e modulo, schierando appunto Verdi alle spalle della coppia Belotti-Zaza, sarebbe però un segnale chiaro e forte, da lanciare anche agli avversari, sulla voglia che ha questo Torino di attaccare e schiacciare gli avversari. 

Le squadre di Di Francesco, poi, sono solite portate a giocare un calcio offensivo, correndo anche il rischio di concedere qualcosa agli avversari in fase difensiva. Verdi, Zaza e Belotti potrebbero dunque avere a disposizione gli spazi per far male alla Sampdoria. La presenza o meno in campo dell’ex Napoli dipenderà dalle sue condizioni e dallo stato di forma (quando è arrivato al Torino, per sua stessa ammissione, non era al top) ma, con Falque ancora in cerca della migliore condizione dopo l’infortunio alla caviglia, il Torino ha bisogno di giocatori di qualità in avanti.