"Un angolo per chi ha la visione del calcio di Nick Hornby, per chi vive la partita come un film, per chi reputa Babangida il miglior calciatore della storia. Un piccolo mondo per chi non ha scritto calcio con il pallone tra i piedi, ma con una penna tra le dita, una telecamera sulla spalla o un joystick in mano, per quelli cresciuti a pane, nutella e Holly e Benji . Il calcio visto con gli occhi, e gli occhiali, del Nerd"

Con quella barba lì, quel fisico lì, quel modo di fare lì, lo ricorda. Eccome se lo ricorda! Del resto, lui stesso ha nominato Bud Spencer per descrivere il suo rapporto con il capo, Diego Pablo Simeone, il Terence Hill dei due, amico fidato, leale, prima compagno di squadra e ora suo "principale". German Burgos, vice del Cholo e suo braccio destro, era in panchina, ieri sera, vista la squalifica dell'ex River Plate: ha guidato e caricato i suoi, proiezione cholista dell'amico di sempre. E sul tetto d'Europa c'è spazio anche per il Mono

ANIMO CALDO - Portiere, da sempre. Uno dei primi a usare con regolarità il cappellino, con quei capelli lunghi si portava con sé il sapore di asado: prima al River Plate, poi al Maiorca e infine all'Atletico Madrid. Nel '99 si prende 11 giornate di squalifica per aver rifilato un pugno a Serrano, attaccante dell'Espanyol; da Colchoneros para un rigore, di faccia, a Luis Figo, il 10 del Real, continuando a giocare nonostante il sangue non ne volesse sapere di fermarsi; nel 2003 gli è stato diagnosticato un tumore al rene. Partita vinta, il Mono è un duro. E poi tante altre cose, oltre al calcio...
POLIVALENTE - Già dagli anni 90, German Burgos investe tempo nella musica: rock, sempre. Prima con La Piara, a Buenos Aires, poi ribattezzata Burgos Simpathy, con tanto di album d'esordio (Jacque al rey) nel '99 e bis nel 2000 (Fasolera de tribas); poi a Madrid, dove con The Garb presenta un cd (Hot Lines) nel 2002 e un altro nel 2005 (Abimos). Non solo musica e rock, però, visto che c'è tempo per un reality show: il Mono allena i portieri in Football Cracks, il "Campioni" spagnolo, con Burgos nella parte di un Ciccio Graziani iberico. E il sangue è caldo per entrambi. 

E IL CINEMA? - E poi c'è il cinema, dove compare nel film Isi/Disi, Amor a lo Bestia; trovando tempo per fare la comparsa in un videoclip del gruppo spagnolo Mago de Oz e per essere il protagonista della campagna pubblicitaria dell'Atletico Madrid nell'anno della risalita in Liga: si apre un tombino, si affaccia Burgos. "Ya estemos aqui". Sì Mono, sul tetto d'Europa ci sei anche tu. 

@AngeTaglieri88