Commenta per primo
C'è un grosso ostacolo lungo la strada che conduce Walter Montoya verso il Genoa. Un ostacolo chiamato River Plate.

Caduta la concorrenza dell'altro grande club di Buenos Aires, il Boca Juniors che sembra essersi definitivamente defilato nella trattativa per il 23enne centrocampista del Rosario Central, per il Grifone l'ultimo verso rivale restano i Milionarios.
Come riporta il Secolo XIX, ieri per bocca del proprio dirigente Enzo Francescoli, il club bairense è uscito allo scoperto: "Walter è un giocatore importante - ha affermato l'ex fantasista uruguaiano - vogliamo solo lui. Ma non ci spostiamo dai 5 milioni di dollari".

Un'offerta, quella del River, che al Rosario giudicano insufficiente, come conferma il vicepresidente Calloni: "L'offerta del River è la più bassa, l'unica con cui stiamo avanzando è quella del Genoa, c'è da accorciare la forma di pagamento e precisare alcuni numeri".
Il Rosario avrebbe dato al club rossoblu un ultimatum di 48 ore, che scadono oggi, per fornire le opportune garanzie di pagamento. Ma anche l'agente del giocatore, Daniel Liuzzi, ha dichiarato che ormai la probabile destinazione futura del suo assistito è una rosa ristretta a sole due squadre: "Le offerte concrete sono quelle di River e Genoa, con cui non si avanza per una questione di garanzie. Lui vuole cambiare aria, se deve andare al Genoa, andrà al Genoa".

Secondo l'edizione genovese di Repubblica, tuttavia, anche il Sassuolo starebbe monitorando la situazione, con la possibilità di inserirsi in caso di complicazioni.

Nel frattempo anche il Ct dell'Argentina Edgardo Bauza sembra essersi accorto del mediano tanto da averlo inserito nella lista dei probabili partecipanti al prossimo raduno dell'albiceleste.