28
Caro Leo Turrini, Verstappen sembra tornato padrone del mondiale..
“Eh, ha vinto anche a Miami e sinceramente ha dato l’impressione di disporre di una vettura superiore alla Ferrari.Di poco, ma superiore.“

Cosa ha fatto la differenza in Florida?
“Prima fammi dire che la Formula 1 sta esagerando con questi pseudo circuiti, ti fanno venire in mente il circo, anziché l’automobilismo. Va bene cercare lo spettacolo, ma tentare di imitare il fascino di Montecarlo in Florida piuttosto che in Arabia Saudita lo trovo esagerato. Dopodiché, per rispondere, in questo momento la Red Bull riesce a governare meglio le gomme”.

Comunque Leclerc resta leader del campionato.
“Carletto si batte sempre come un leone, credo sarebbe stato felicissimo di far coincidere la vittoria con il 40º anniversario della scomparsa di Gilles Villeneuve, un personaggio che ha contribuito al mito della Rossa come pochi. Ma non c’erano le condizioni, purtroppo”.

Temi che per la Ferrari si stia allontanando il sogno?
“Calma, entrambe le classifiche del mondiale sono comandate dalla Rossa. Poi il Milan è messo meglio del Cavallino, su questo non ci piove”.

A Miami c’erano i fratelli Elkann, ci saranno rimasti male…
“Vis, di certo John e Lapo Elkann si emozionano più con la Ferrari che con la Juve, questo è poco ma sicuro”.
La Signora può ancora alzare la Coppa Italia.
“È vero, come è vero che l’ha vinta anche Pirlo un anno fa, aggiudicandosi pure la Supercoppa. Io non credo che Allegri, a nove milioni di euro netti di stipendio, sia stato preso per questo. La Juve non è mai stata seriamente in lotta per il titolo e appunto questo non è da Juve. A prescindere dall’esito della finale di mercoledì, il giudizio non cambia. Dopo di che, ammetto che ci ero cascato anche io”.

In che senso?
“Proprio qui, a fine agosto, proclamai che le mie favorite per lo scudetto erano la Juve e l’Atalanta. Facciamo che il Mago Oronzo era meglio di me”.

Meglio non ti chieda chi vincerà il mondiale di F1…
“Mi avvalgo della facoltà di non rispondere”.

di Daniela Bertoni