8
Rodrigo De Paul, centrocampista dell'Udinese, parla a Sky Sport dopo la vittoria sulla Juventus: "Siamo contenti per ciò che abbiamo fatto, loro sono la miglior squadra in Italia e non era facile. Quest’anno abbiamo perso tanti punti al 90’, è dura quando fatichi e non porti a casa. Ma dopo una partita così siamo felici. Il lavoro durante il lockdown? Mi sono allenato tanto, ho preso un preparatore particolare: nel calcio rimane ciò che fai nelle ultime partite, volevo chiudere bene. Mi sento bene fisicamente e mentalmente posso pensare di più, se sei meno stanco puoi ragionare meglio". 

SU DYBALA - "E’ mio fratello, ci sentiamo sempre e facciamo le vacanze insieme. Aveva quasi sempre vinto lui, oggi è toccato a me ma il rapporto nostro va al di là del risultato. Gli voglio bene, sono contento per ciò che sta facendo: non mi sorprende, è un fuoriclasse". 

SUL FUTURO - "Non lo so: finché sarò qui, darò tutto perché mi hanno aperto le porte e mi hanno dato la 10, che è importantissima. Rispetto molto Udine e i suoi tifosi, voglio fare sempre di più. A 19 anni ho giocato la Champions, è bellissima. Ho fatto una prova per giocare ogni tre giorni, devo essere pronto: non sono stanco, speriamo che il futuro sia bello per me e per il club".