Udinese-Torino 1-1

Scuffet 6: incolpevole sul gran mancino di Meité, blocca con sicurezza altre due conclusioni dalla distanza. Fiducia ripagata

Larsen 5,5: propositivo nel primo tempo, male nella ripresa. Soffre molto le incursioni di Berenguer.

Troost-Ekong 5,5: soffre gli attacchi del Toro soprattutto nella ripresa, quando Belotti e Zaza si muovono molto per creare spazi.

Nuytinck 6: si salva non concedendo errori, non si sente ma con i suoi interventi allontana gli attacchi pericolosi.

Samir 5: De Silvestri lo fa impazzire e anche in fase di impostazione non riesce a creare, nè tantomeno a spingere.

Behrami 5,5: non riesce a ripetere le prestazioni scorse, la superiorità a centrocampo del Toro si fa sentire e lui deve adattarsi e pressare il doppio in fase di non possesso.

Pussetto 6,5: un po' spento nei primi 10 minuti, poi emerge il suo talento: fa entrambe le fasi con grande corsa e determinazione.
(dal 13' s.t. Teodorczyk 5,5: cerca di far salire la squadra ma viene ostacolato sempre in maniera perfetta. Non trova spazi).

Fofana 5: perde tanti palloni in uscita, mentre in fase offensivo non è né brillante né pericoloso. Insufficiente.

Mandragora 5,5: un po' opaco durante tutto il corso della partita; da lui ci si aspetta di più soprattutto in fase di costruzione.

(dal 24' s.t. Machis 6: cerca di spaccare la difesa granata ma spesso è costretto ad arretrare per evitare contropiedi).

De Paul 6,5: dopo il gol è costretto a giocare quasi l'intera ripresa in copertura, aiutando Larsen. 

Lasagna 5: troppo isolato, non riesce ad entrare nelle ripartenze offensive e per questa ragione Velazquez lo arretra, affidandosi a Teodorczyk.

(dal 40' s.t. Barak sv)


All. Velazquez 6,5: boglia di vincere, grande carisma. Inserisce due punte anche quando poteva accontentarsi di un pareggio