Commenta per primo

Gara senza storia al Friuli dove l'Udinese travolge 4-0 il Padova, qualificandosi per il quarto turno di Tim Cup. E dire che i biancoscudati (infarciti di riserve così come i rivali) erano partiti con il piglio giusto, andando per primi al tiro con la botta di Rabito dai 20 metri deviata da Benussi. Dopo 20', però, Floro Flores sblocca la gara direttamente su punizione con la palla che sbatte sulla traversa prima di rimbalzare in prossimità della linea. L'arbitro Gava si fida del giudizio dell'assistente che segnala un gol parso evidente anche dagli spalti. Assistente che sbaglia 5' dopo, quando non ferma Corradi lanciato a rete in netta posizione di fuorigioco. Per il bomber senese è un gioco da ragazzi segnare il 2-0. A un minuto dal termine del primo tempo arriva anche il tris grazie ad Angella che a due passi dalla linea scaglia in rete la sponda aerea di Domizzi. Nella ripresa una gara senza storia viene chiusa al quarto d'ora dalla doppietta di Corradi, ancora una volta implacabile a tu per tu con Cano. Il Padova reagisce solo nel finale grazie all'ingresso di Vantaggiato, che vivacizza l'attacco ma non riesce a propiziare nemmeno il gol della bandiera.

UDINESE

L'allenatore dell'Udinese, Francesco Guidolin: 'Sono contento dell'atteggiamento tenuto dalla squadra. A parte i primi 10 minuti dove il Padova è partito forte, siamo riusciti a mettere in campo buone trame, giocando fino alla fine con la massima attenzione. Che voto darei alla squadra? Sette. Ma adesso non esaltiamoci troppo, anche in un 4-0 ho tratto tanti aspetti negativi su cui dovremo lavorare per crescere. Sono comunque contento dei progressi. Floro Flores ha grandi qualità e le ha fatte vedere, sa che che credo in lui. Il Padova? Oggi ha messo in campo chi giocava meno. Si vede che pensavano molto alla sfida di sabato in campionato. Comunque si è visto da come sono partiti forte che sono una squadra con idee e mentalità'.

PADOVA

Il centrocampista del Padova, Marco Gallozzi: 'Sono abbastanza contento della mia prestazione, ma non del risultato, un 4-0 è sempre molto duro da digerire. Peccato ci tenevamo a far bene e i primi 20 minuti siamo partiti col piglio giusto. Poi i due gol subiti in un amen ci hanno un po' demoralizzato, in più la direzione arbitrale mi è parsa troppo permissiva. Ora non vediamo l'ora di andare a giocarcela a Bergamo. Dal canto mio spero di guadagnarmi la panchina e magari giocare anche uno spezzone di gara'.